Non pensiate di potervela cavare se, bloccati in mezzo al traffico, presi da un impeto di libertà slacciate la cintura di sicurezza solo perché vi siete fermati in coda al semaforo. L’obbligo di tenerla ben allacciata sussiste non solo durante la normale marcia del veicolo, ma anche durante le brevi soste quando si è in coda.

Questo è quanto stabilito dalla Corte di Cassazione con ordinanza n. 20230 del 2018, con la quale ha respinto il ricorso di un automobilista contro la sentenza del Tribunale di La Spezia che aveva confermato la multa a suo carico per il mancato uso delle cinture di sicurezza durante la guida.

Dalla sentenza impugnata – come si legge nel testo dell’ordinanza – “emerge che il ricorrente aveva dedotto, nei precedenti gradi di merito, di essere in coda lungo la direttrice di marcia”, appellandosi alla situazione di staticità del veicolo.

Scondo il Tribunale, la cintura è obbligatoria anche se vi è la condizione di una breve sosta dovuta al traffico, essendo pensata appositamente per salvaguardare gli abitanti dell’auto durante un possibile tamponamento.

Leggi anche “Cintura di sicurezza: chi paga se il passeggero non ce l’ha?”

Un veicolo potrebbe infatti sopraggiungere all’improvviso, e mettere in pericolo le persone nell’auto, anche se quest’ultima non risulta essere in movimento.

La Corte di Cassazione (ordinanza 20230/2018) ha pertanto respinto il ricorso dell’automobilista contro il Tribunale, sottolineando che la condizione di stasi accertata nel verbale, non può essere messa in discussione.

leggi anche: “Multe stradali notificate via Pec”

Ricordiamo che la legge ne prevede l’obbligo dal 1988 e il mancato utilizzo porterebbe a una la sanzione da 74 a 299 euro, con possibile ritiro della patente fino a 2 mesi e decurtazione di punti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome