Si fa sempre più vicina l’ipotesi dell’introduzione della Quota 100. Secondo quanto apprende l’Ansa da ambienti vicini alla maggioranza, nel disegno di smantellamento della Legge Fornero, sarebbe già allo studio sui banchi del Governo la modalità di pensione a quote, che consentirebbe ai cittadini italiani di lasciare il lavoro al raggiungimento – appunto – della quota 100: somma di età anagrafica e anni di contributi versati.

Consulta lo speciale Pensione anticipata

Il costo della misura per il primo anno sarebbe di circa 4 miliardi, portando il ‘peso’ complessivo della prossima legge di Bilancio a circa 26-27 miliardi.

A prevalere però sembrerebbe essere l’ipotesi di alcuni paletti, tra cui proprio quello dell’età anagrafica: una soglia minima di 64 anni che chi vuole accedere a questa modalità dovrà raggiungere. Niente quota 100 libera quindi. Sembra infatti che una simile ipotesi allargata costerebbe – proprio come aveva avvertito il Presidente dell’Inps Tito Boeri – almeno 20 miliardi. Da qui la necessità di inserire corde tese e tenere in piedi il sistema previdenziale con paletti ben definiti.

La novità a quanto pare dovrebbe quindi essere inserita nella prossima manovra finanziaria del Governo e vedere la luce già nel 2019. E le cose potrebbero cambiare di molto per un’ampia platea di cittadini.

Resta aggiornato sul tema nella sezione Pensioni di LeggiOggi

© RIPRODUZIONE RISERVATA


11 COMMENTI

  1. Ministro Generale Salvini mantieni tutte quelle belle parole di campagna elettorale quota 100 altrimenti anche tu fallirai come tutti i politici di turno ..ricorda …… una volta soltanto si può fregare il prossimo ..con le belle parole.

  2. Sono disoccupato dal 2015 e non percepiscono nessun sussidio ho 63 anni e 38anni e 10 mesi di contributi avevo sperato tanto nella famosa formula 100 e sono rimasto ancora una volta deluso perche mettete il paletto ha 64 anni e io resto ancora una volta fuori vi prego modificate questo paletto e diminuite l’eta’ ho molta fiducia nel nuovo governo non mi deludete grazie

  3. vorrei porre una domanda: compiendo 64 anni il 6 giugno 2019 ( SONO UN’INSEGNANTE) e con 40 anni di servizio potrò usufruire della quota 100 se viene approvata?

  4. Ma non pensano a chi come me e tanti altri hanno iniziato a lavorare a 16 anni ?
    Ho iniziato a lavorare a 16 anni, a Giugno del 2020 ho versato 41 anni di contributi e a Dicembre compio 59 anni = 100.
    Se devo compiere almeno 64 anni meglio la legge Fornero almeno con 42 anni di contributi in pensione ci vado.
    Ma noi lavoratori precoci che stiamo passando un’intera vita a lavoro, quando godremo di un pò di riposo e vita ?

  5. L’INPS MI HA INVIATO LA FAMOSA BUSTA ARANCIO DOVE A GIUGNO 2020 POTRO’ ANDARE IN PENSIONE ANTICIPATA CON 42 ANNI E 13 SETTIMANE ED AVRO’ 59 ANNI AVENDO INIAZIATO A LAVORARE A 16 ANNI . SE ENTRERA’ IN VIGORE LA FAMOSA QUOTA 100, MA OCCORREREBBERO 64 ANNI PER ME DIVENTEBBERO 47 ANNI DI LAVORO.
    E’ UNO SCHIFO, E DI SICURO NON ANDRO’ PIU’ A VOTARE.

  6. È possibile sapere se i 64 devono essere compiuti o se è sufficiente essere nell’anno dei 64? Perché, se non fosse così, la sottoscritta come molti altri, compiendo gli anni a dicembre, scivolerebbe nei 65. Spero che non si ripeta questa ingiustizia!

  7. E I 2 COMMESSI AL QUIRINALE CHE FANNO UNA FATICA DA MURATORE A SPOSTARE LE LANCETTE A 8000 EURO AL MESE E VANNO IN PENSIONE A 53 ANNI , DEVONO ANCHE LORO ASPETTARE QUTA 100? CHE SCHIFO

  8. Bisognera’ aspettare la fine del 2018 poi I tempi tecnici per la domanda e poi I mesi successivi alle dimissioni quindi si arrivera’ a giugno 2019 quasi un altro anno. Approvare un decreto attuativo in tempi brevi ministro Salvini e ministro Di Maio siamo con voi. La legge Fornero ha avuto un iter di 15 giorni ed e’stata approvata subito con il consenso delle sigle sindacali. Non fateci aspettare a lungo.

  9. Che delusione se dovessero fare quota cento con il paletto a 64 anni minimo di età avrebbero preso in giro migliaia di persone che li hanno votati non si può dire in campagna elettorale faremo quota cento illudendo la gente che vedeva la possibilità di lasciare il lavoro con 60 anni e 40 di contributi adesso sembra che anche i 41 non saranno più 41 ma forse 41,5 se non 42 siete bugiardi e peggio degli altri partiti se fate una cosa del genere oltre a perdere la faccia perderete milioni di voti

  10. 60 anni….licenziata…sono in naspi x 2 anni..un’altranno 39 contributi e 62 di età……..101..quota…..ripeto licenziata….x riorganizzazione aziendale

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome