Non è stata una giornata facile, sono volati stracci e accuse da parte delle opposizioni, ma alla fine la maggioranza è riuscita a strappare il voto di approvazione del discusso Decreto Dignità, che così ha avuto il via libera definitivo. L’Aula ha approvato il decreto con 312 sì, 190 no e 1 astenuto e ora la passa al Senato, che prenderà in esame il testo.

Consulta lo Speciale sul Decreto Dignità 

Molte conferme e anche novità, compresa l’approvazione di alcuni emendamenti delle opposizioni, primo fra tutti l’inserimento della scritta “nuoce alla salute” sui Gratta e vinci, proposto dal partito democratico. Il provvedimento approvato quindi non è proprio identico a quello che era uscito lo scorso 2 luglio dal Consiglio dei ministri.

E poi Bonus assunzioni under 35, stretta sui contratti a termini (rinnovi e causali), reintroduzione dei voucher, nuove date per lo spesometro, stop alla delocalizzazioni selvagge.

Vediamo tutte le principali misure approvate nel testo.

Decreto dignità: causale e minore durata dei contratti a termine

Il provvedimento introduce una stretta sui contratti a termine. La loro durata si riduce da 36 a 24 mesi. Il numero delle proroghe scende da 5 a 4. Ogni volta che si rinnovano verrà applicato un costo contributivo aggiuntivo dello 0,5 per cento (escluse colf e badanti).

Il datore non deve giustificare con la causali l’impiego del lavoratore per i primi 12 mesi. Dopodiché deve introdurre la causale (e spiegare come mai rinnova il contratto a termine anziché trasformarlo in indeterminato). In assenza di causale il contratto diventa automaticamente a tempo indeterminato.

Le norme si applicano ai nuovi contratti ed è stata introdotta una moratoria sull’applicazione della legge al 31 ottobre.

Decreto dignità: niente scatti contributivi su colf e badanti

Il costo contributivo che si applica ad ogni rinnovo di contratto a termine non vale nel caso di colf e badanti. Non ci sarà quindi nessun aggravio contributivo in tal senso.

Decreto dignità: indennizzi più alti in caso di licenziamento

Il Decreto approvato ha aumentato l’entità degli indennizzi a favore dei lavoratori che hanno subito un licenziamento illegittimo. L’importo sale a 4-24 mensilità (a seconda degli anni lavorati), a 6-36 per quelli decisi dal giudice, e da 2-18 a 3-27 mensilità se fissati in sede di conciliazione tra azienda e lavoratore.

Decreto dignità: voucher in agricoltura, turismo, enti locali

Non rivedremo certo tornare l’ondata dei 277 milioni di buoni lavoro del 2016, ma i voucher saranno comunque reintrodotti in settori limitati: agricoltura, turismo ed enti locali. La loro durata sarà di massimo 10 giorni e la portata dovrebbe essere molto ridimensionata. La platea riguarda infatti:

  • imprese agricole fino a 5 dipendenti;
  • strutture ricettivo-alberghiere turistiche fino a 8 dipendenti;
  • enti locali.

Decreto dignità: proroga bonus per assunzioni di under 35

Non era prevista nel decreto licenziato dal Consiglio dei ministri, ma con emendamento introdotto alla camera è stata approvata la proroga del bonus assunzioni per under 35 anche per il 2019 e 2020: i datori di lavoro che assumono a tempo indeterminato avranno uno sconto sui contributi del 50 per cento.

Decreto dignità: compensazione crediti-debiti

Il decreto prevede anche che i professionisti e le imprese che vantino crediti con la pubblica amministrazione possano compensare i propri debiti anche nel 2018.

Decreto dignità: obbligo e-fattura dal 2019 per benzinai

l decreto ha assorbito il provvedimento che rinvia al primo gennaio la norma sulla fatturazione elettronica, altrimenti obbligatoria per il settore carburanti dal primo luglio.

Decreto dignità: salve le maestre diplomate

Per risolvere il problema delle maestre diplomate magistrali che sarebbero rimaste senza contratto, il decreto ha introdotto una proroga dei contratti fino al 30 giugno 2019 e un Concorso straordinario. Viene inoltre eliminato il limite di 36 mesi per i precari della scuola. Il tetto salta per i contratti di personale docente, amministrativo, tecnico e ausiliario.

Decreto dignità: stop a pubblicità su gioco d’azzardo

Inasprite anche  le sanzioni per chi viola il divieto di pubblicità del gioco d’azzardo, cresciute dal 5% al 20% del valore della sponsorizzazione, con un minimo che deve ammontare comunque a 50 mila euro.

Decreto dignità: stretta su delocalizzazioni

Nel provvedimento sono previste sanzioni per chi delocalizza. In particolare, se un’impresa ha beneficiato dell’aiuto pubblico, non può trasferire all’estero la propria attività per i successivi cinque anni, pena una multa da 2 a 4 volte il beneficio avuto. Il beneficio pubblico, inoltre, andrà restituito con gli interessi maggiorati fino a 4 punti percentuali.

Decreto dignità: nuovo spesometro e abolizione su prodotti agricoli

I soggetti obbligati alla comunicazione dei dati delle fatture emesse e ricevute sono esonerati dall’obbligo di annotazione in apposito registro.

Viene eliminato lo spesometro per i produttori agricoli assoggettati a regime Iva agevolato. La norma è rivolta ai produttori agricoli che hanno realizzato o prevedono di realizzare, un volume d’affari non superiore a 7 mila euro, e che sono esonerati dal versamento dell’Iva e da tutti gli obblighi documentali e contabili.

Per approfondimenti ti consigliamo Decreto Dignità (E-book + circolare)

© RIPRODUZIONE RISERVATA


SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome