La Commissione europea firma un’altra maxi multa al colosso del web Google, per aver abusato della propria posizione dominante con il suo sistema operativo Android. La cifra è da capogiro: la multa si attesta a 4,3 miliardi di euro.

La vicenda si è aperta da aprile 2015, quando Bruxelles avviò un’indagineche portò l’anno dopo alla’ccusa formale: Google cioè obbliga i produttori di smartphone e tablet a pre-installare Play Store (l’app store di Google che tutti utilizziamo). PlayStore può essere scaricato solo attraverso Google Search, il quale a sua volta può essere trovato solo con Google Chrome.

In questa matrioska, in pratica, l’azienda si assicura che le due app siano pre-installate sulla maggioranza dei dispositivi venduti in Europa, visto che l’80% dei devices venduti usa Android, e non solo in Europa ma in tutto il mondo.

In pratica Android è stata il cavallo di Troia di Google, che se ne è servita per imporre a tutto il globo i suoi prodotti.

Per la Commissione ha “attuato una strategia sugli apparecchi mobili per conservare e rafforzare il suo dominio nel campo delle ricerche internet”, violando le regole Ue sulla concorrenza. Ora quindi Google dovrà pagare caro. Anche se, a dir la verità, considerando il volume d’affari del colosso, impiegherà poche settimana di fatturato per racimolare la cifra della sanzione inflitta.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


SCRIVI UN COMMENTO

Scrivi il tuo commento!
Inserisci il tuo nome