Compro oro

Il Decreto Legislativo n. 92/2017 in vigore dal 5 luglio u.s. (recante le disposizioni antiriciclaggio in capo agli Operatori dediti al commercio degli oggetti in oro e dei preziosi), ha previsto l’introduzione di molteplici prescrizioni operative tra cui il limite all’utilizzo del contante, l’utilizzo di un conto corrente dedicato, la redazione delle c.d. schede numerate di compravendita, la segnalazione delle Operazione sospette fino all’iscrizione al Registro degli Operatori Compro Oro presso l’Oam.

Proprio in riferimento a tale ultima disposizione non ancora vigente, l’Organismo degli Agenti in attività finanziaria e dei Mediatori Creditizi tenutario del suddetto registro, a partire dal 15 gennaio 2018, darà il via alla prima fase di censimento degli Operatori Compro Oro necessaria per la successiva ed effettiva iscrizione; infatti, l’imminente iscrizione al Registro degli Operatori Compro, è subordinata all’entrata in vigore del Decreto del Ministero dell’Economia e delle Finanze recante tutte le specifiche tecniche per l’invio dei dati e di implementazione del Registro.

La preliminare fase di censimento, consiste nella creazione della c.d. area ad accesso riservato, necessaria per la trasmissione dell’istanza telematica di iscrizione al Registro degli Operatori Compro Oro presso il medesimo Organismo.

Pertanto, in attesa dell’entrata in vigore del suddetto Decreto ministeriale, gli Operatori Compro Oro, attraverso l’apposita pagina presente sul sito dell’Oam, potranno già intraprendere l’iter procedimentale che porterà all’effettiva iscrizione all’Albo.

In tale frangente, l’Associazione di categoria primaria di settore che rappresenta gli operatori dediti al commercio degli oggetti preziosi usati, A.N.T.I.C.O. – Associazione Nazionale Tutela Il Comparto dell’Oro, porta a conoscenza che sono state attivate tutte le fasi di erogazione servizi e assistenza in merito al nuovo adempimento a cui saranno assoggettati gli esercenti.

Ricorda che si dovrà partire dalla creazione dell’area ad accesso riservato, richiesta dall’Organismo degli Agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi che con Comunicato stampa pubblicato sul proprio portale, è stata prevista al fine di creare il canale con cui gli utenti potranno inviare la propria istanza di iscrizione al Registro degli Operatori Compro Oro, nonché con l’intento di ottenere le informazioni preparatorie circa il numero di sedi operative, al numero dei preposti, nonché all’esclusività o secondarietà dell’attività di compro oro esercitata. Trattasi, appunto, di informazioni con cui l’Organismo tenutario del Registro potrà determinare l’entità dei contributi che verranno richiesti agli Operatori Compro Oro a fronte dei costi di istituzione, sviluppo e gestione per la tenuta del Registro.

Tuttavia, la creazione della suddetta area ad accesso riservato, rappresenta solo il primo step del processo elaborato nel D.lgs n° 92/2017; va tenuto in debito conto che l’Organismo tenutario dell’Albo, entro i tre mesi successivi dall’entrata in vigore del Decreto del Ministero dell’Economia e delle Finanze (contenente le modalità tecniche di invio dei dati e di implementazione del Registro), provvederà all’avvio del Registro degli Operatori Compro Oro.

A loro volta, i medesimi operatori obbligati, a partire dall’istituzione del Registro, avranno a disposizione un mese entro cui presentare, nelle modalità e negli standard previsti, la propria istanza telematica di iscrizione completa di tutti i relativi allegati.

A tal proposito, Nunzio Ragno, Presidente A.N.T.I.C.O.  sottolinea che gli Operatori Compro Oro potranno utilizzare la Guida Utente recante le indicazioni e i requisiti base necessari per la fase di censimento predisposta dall’OAM, la cui consultazione può avvenire con il supporto degli esperti facenti parte il Consiglio Direttivo della medesima Associazione di categoria; questo, alla luce delle continue interlocuzioni istituzionali avute proprio con i responsabili degli elenchi OAM, che permettono di offrire la dovuta assistenza agli Operatori del settore coadiuvandoli in tutte le fasi di approccio con l’Organismo preposto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


2 COMMENTI

  1. Ogni operatore compro oro deve essere iscritto a questo speciale registro dedicato, per essere accettati si deve essere in regola con l’autorizzazione delle autorità della zona, un autorizzazione che era necessaria già prima dell’entrata in vigore della nuova legge.

  2. Una regolamentazione era necessaria nel settore dei compro oro, sono ormai anni che queste attività commerciali si sono diffuse in modo uniforme nono solo nelle città ma anche nei paesi più piccoli da nord a sud. Ciò che però trapela dalle numerose regole imposta ai compro oro è la volontà di “regolarizzare” in modo eccessivo queste attività che finiranno inevitabilmente per gravare sui costi di attività.
    L’aumento dei costi porterà inevitabilmente una diminuzione dei prezzi di acquisto dell’oro usato rendendo meno conveniente per le persone vendere i propri gioielli e oggetti in oro agli operatori autorizzati, questo porterà inevitabilmente alcuni clienti a cercare vie alternative per vendere il proprio oro come le aste o attraverso portali web dedicati.

SCRIVI UN COMMENTO

Scrivi il tuo commento!
Inserisci il tuo nome