Pensione anticipata

Dal 2018 entreranno in vigore alcune novità sui requisiti per la pensione. Cosa cambierà? Ecco una Guida utile su tutte le novità riguardanti la pensione di vecchiaia, l’assegno minimo, la reversibilità, l’assegno di invalidità, l’Ape social e l’Ape rosa.

Pensione di vecchiaia, stessi requisiti per uomini e donne

Il prossimo anno uomini e donne potranno accedere alla pensione di vecchiaia con i seguenti requisiti:

  • 66 anni e 7 mesi di età,
  • 20 anni di contributi,
  • assegno pari a 1,5 volte l’assegno sociale (679,50 euro).

Aumento degli importi delle Pensioni dal 2018

Dal 1° Gennaio 2018 l’importo degli assegni pensionistici crescerà dell’1,1%, dopo 2 anni di stasi. Il tasso di variazione è stato fissato come provvisorio dal Ministero dell’Economia assieme a quello del Lavoro con il decreto del 20 novembre scorso nel quale viene stabilito pari a zero quello del 2017. L’aumento comporterà anche minori riduzioni per chi percepisce pensioni parzialmente cumulabili con gli altri redditi.

Di seguito riportiamo le percentuali di aumento suddivisi per scaglioni:

 

  • pensioni fino a 3 volte il minimo,fino a 1.522,23 euro mensili: rivalutazione pari all’1,1%;
  • pensioni di importo da 3 a 4 volte il minimo, fino a 2.029,64 euro mensili : rivalutazione pari all’1,045%;
  • pensioni di importo da 4 a 5 volte il minimo, fino a 2.537,05 euro mensili: rivalutazione pari all’0,825%;
  • pensioni di importo da 5 a 6 volte il minimo, fino a 3.044,46 euro mensili: rivalutazione pari all’0,55%;
  • pensioni di importo oltre 6 volte il minimo, oltre 3.44,46 euro mensili: rivalutazione pari all0 0,485%.

Resta aggiornato con il nostro Speciale Riforma Pensioni

Assegno sociale

Previsto un aumento dell’assegno sociale che nel 2018 da 448,07 euro salirà a 453 euro mensili, e potrà essere percepito a 66 anni e 7 mesi di età. Piccolo rialzo anche per la pensione di invalidità, da 279,47 euro mensili a 282,54 euro e per l’assegno minimo da 501,89 euro mensili a 507,41 euro.

Assegno di invalidità

Aumento in vista anche per l’assegno d’invalidità, che subirà anche delle riduzioni:

  • del 25% se il reddito supera 26.385,32 euro annui;
  • del 50% se il reddito supera 32.981,65 euro annui.

Previsto una ulteriore riduzione se l’assegno già ridotto resta superiore al 507,41 euro mensili.

Aumento pensione di reversibilità nel 2018

Stessa sorte per la pensione di reversibilità che nel 2018 sarà ridotta:

  • del 25% se il reddito supera i 19.788,99 euro annui;
  • del 40% se il reddito supera i 26.385,32 euro annui;
  • del 50% se il reddito supera i 32.981,65 euro annui.

Novità per l’Ape sociale dalla Legge di Bilancio 2018

Ape social aperto a 15 categorie di lavoratori addetti a attività usuranti e possibilità di sconto sui requisiti di 1 anno per ogni figlio per le donne lavoratrici sono le misure relative all’anticipo pensionistico contenute nell’emendamento alla Legge di Bilancio 2018.

 


30 COMMENTI

  1. Ho 64 anni e con 26 anni di contributi di cui (16 da commerciante e 10 da lav. dip. e sono disoccupato dal 2015.
    Ti chiedo come posso accedere a qualche pensione anticipata.Grazie.

  2. Ho 64 anni e 26 anni di contributi versati. Nel2015 ho perso il lavoro,ora quando posso accedere alla pensione?

  3. Salve,mi chiamo Pasquale e sono nato il 4/12/53 e ho +di 26 anni di contributi (16da commerciante e 10 da dipendente ) sono disoccupato da +di tre anni.Come posso accedere ad una pensione? Grazie,attendo una risposta.

  4. Mi chiamo domenico lavoro da dipendente in un negozio con 41 anni di contributi e 58 anni di età , vorrei sapere gentilmente quando vado in pensione

  5. salve a Febbraio maturerò 41 anni di contributi a marzo compirò 58 anni sono in reggime della legge 104/92 per mia Madre invalida, da 12 anni svolgo il lavoro di Guardia Giurata di notte vorrei sapere se posso fare domanda di pensione anticipata..grazie

  6. A me e stata bocciata ape sociale per avere lavorato a tempo determinato nel 2017. Adesso ho lavorato a ottobre novembre a tempo indeterminato ,licenziato e in naspi. Dovrei fare domanda di nuovo per ape social 2018 mi verrà accettata? Perché l’ho fatta già nel2017. Si può fare 2volte?

  7. Sono nato il 15 Febbraio del 1961 e ho iniziato a lavorare nel Settembre del 1975 in una azienda Artigiana (carrozzeria) come apprendista, poi sono passato dipendente nel 1978 è dal quel giorno non ho mai smesso di lavorare a eccezzione di tutto il 1983 dove ho fatto praticantato per prendere il patentino di agente di commercio, attività che ho svolto dal Gennaio 1984 fino a Gennaio 2005.
    Da Febbraio 2005 a oggi sono dipendente con contratto quadro in una azienda settore commercio.
    A Settembre 2018 avrò maturato 42 anni di contributi (verificato tramite web INPS).
    Volevo sapere secondo questa nuova riforma quando posso richiedere la pensions INPS.
    Saluti.
    Leonardo

  8. Ho 58 anni e 39 anni di contributi, vorrei fruire dell’art. 4 Fornero come posso chiderlo all’ azienda per entrare in ISOpensione il 31 luglio 2018?

  9. Il 19 maggio compio 66 anni e ho 23 anni di contributi versati dal 1969 al 2018 fine anno che importo mi spetta di pensione 13 anni di contributi versati dopo l’anno 1999

  10. Sono in Naspi fino a novembre quando avrò 60 anni compiuti e 38 anni e 10 mesi di contributi, licenziato per riduzione del personale a settembre 2016 da azienda fallita ad aprile 2017.
    Desidererei sapere se ho i requisiti per accedere a pensione anticipata e/o quali altre prestazioni di assistenza al reddito sono possibili nella circostanza esposta.
    Grazie, saluti.

  11. I titolari di p.iva possono accedere al APE SOCIAL Avendo un invalido al 100% CON RELATIVA SUSSIDIO DI ACCOMPAGNAMENTO DA ACCUDIRE

  12. Mio marito ha 37 anni di contributi e ha 53 anni e lavora in un’azienda di divani quindi ha contatto con la pelle, le concerie rientrono in lavori usuranti ma lui che ha lo stesso contatto con la pelle rientra??? in più fa turni di Notte???quando può andare in pensione????

  13. Ho 56 anni con 36 anni di versamenti e faccio parte delle categorie protette avendo un invalidità civile 75 % . Da Luglio ho perso il lavoro x fallimento dell’azienda. Non riuscendo più a trovare lavoro potrei richiedere una pensione anticipata ?

  14. Ho 64 anni 20 anni di contributi. Quattro anni fà ho perso il lavoro. Quando potrò andare in pensione?

  15. Salve ho 53 anni con 38anni di contributi mi sapete dire quando più o meno andrò in pensione. Grazie

  16. Salve, volevo sapere io a fine 2018 avrò 42 anni di contributi, ho perso circa un anno e mezzo di contributi durante la vita lavorativa, come posso fare per poter pagare eventualmente quello che mi manca ? Considerando che a fine 2018 bastano 42 anni e 10 mesi per andare in pensione. … grazie

  17. ho 58 anni e ho maturato 40anni e 8 mesi nel 2018 potrò andare in pensione attualmente sono disoccupato

  18. lavoro come magazziniere ,spostamento merce,in cella frigorifera. fa parte dei lavori usuranti? grazie.

  19. Io che nel 2018 avrò 59 anni di età e 4o anni di lavoro dimostrabili, ma solo 37 anni di contributi quando andrò in pensione?
    Non è giusto che chi ha lavorato, perdendo purtroppo dei contributi, non possa andare in pensione, ovviamente con il riproporzionamento al versato.

  20. Buongiorno ho 57 e 37.4 anni di contributi appartengo alla categoria proteta con 75% di invalidita e visto che alla mia età nessuno mi assume potrò mai andate in pensione anticipata oppure anche io devo aspettare i 67 anni compiuti?

  21. Io nel 2018 faccio 62anni e ho 38 anni di contributi rientro per il 2019 per la pensione più ho 3anni di lavoro precoce .

  22. Ho 60 anni con anni di contributi e lavoro nel settore pubblico ma con i 20 anni potrei andare in pensione? o sono obbligata a andare a 67 anni?

  23. Qualcuno legga le indagini svolte sul burnout riguardante i docenti di qualsiasi ordine e grado !!! Forse sarebbe ora di valutare la possibilità di considerarlo lavoro durante?

  24. Ma io che ho 58 anni e 38,5 anni di contributi andrò mai in pensione ?
    Considerato che ora sono disoccupata e alla mia età non mi assume più nessuno.

  25. In alcuni paesi europei c’è più considerazione e rispetto per le donne che sono le persone che accudiscono i bambini ma anche gli anziani si sobbarcano i lavori di casa, in Italia si da una piccola elemosina

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here