mantenimento divorzio

Con la sentenza n. 28938/2017 la Cassazione ha affermato che “con riferimento all’assegno di mantenimento a favore dell’ex coniuge, l’attitudine al lavoro di quest’ultima assume rilievo solo se viene riscontrata in termini di effettiva sopravvenuta possibilità di svolgimento di un’attività lavorativa retribuita, in considerazione di ogni concreto fattore individuale ed ambientale, e non già di mere valutazioni astratte ed ipotetiche”.

Il caso in esame riguardava un ex marito che in seguito alla sentenza emessa dalla Corte d’Appello di Bologna, che l’obbligava a corrispondere un aumento dell’assegno, questi proponeva ricorso dinanzi alla Suprema Corte  lamentando violazione e falsa applicazione dell’ art. 156 c.c. nonché omesso esame dei fatti decisivi.

Premesso che, l’art. 156 c.c. rubricato sancisce che “il contributo economico deve essere connotato in termini di ragionevolezza equità ed equilibrio”.

Tanto premesso, la Suprema Corte pronunciandosi sulla delicata questione ebbe modo di chiarire che “la separazione a differenza del divorzio, che comporta la cessazione degli effetti civili del matrimonio, presuppone la permanenza del vincolo coniugale, sicchè i redditi adeguati cui va rapportato, ai sensi dell’ art. 156 c.c., l’assegno di mantenimento a favore del coniuge, in assenza della condizione ostativa dell’ addebito sono quelli necessari a mantenere il tenore di vita goduto in costanza di matrimonio, essendo ancora attuale il dovere di assistenza materiale, che non presenta alcuna incompatibilità con tale situazione temporanea, dalla quale deriva solo la sospensione degli obblighi di natura personale di fedeltà, convivenza e collaborazione, e che ha una consistenza diversa dalla solidarietà post- coniugale, presupposto dell’ assegno divorzile”( Cass. n. 12196 dl 16/5/2017).

Quanto al secondo motivo ribadiscono che non ha errato la Corte d’ Appello nel valutare la sproporzione reddituale e patrimoniale esistente tra le parti, poiché la precedente determinazione dell’ assegno era destinato al pagamento integrale del canone di locazione.

A ciò si aggiunge che le valutazione astratte fatte emergere in giudizio dall’ ex marito circa la capacità lavorativa dell’ ex consorte non assumono rilievo fino a quando non si concretizzano nello svolgimento effettivo di un lavoro retribuito alla luce del fattore ambientale e individuale.
Ne consegue il rigetto del ricorso.

Consigliamo la lettura di

Divorzio breve, nuovo assegno divorzile, unioni civili e convivenze

Divorzio breve, nuovo assegno divorzile, unioni civili e convivenze

a cura di Michele Angelo Lupoi, 2017, Maggioli Editore

Con costanti riferimenti giurisprudenziali e un utile formulario, il presente volume è un’analisi operativa degli aspetti sostanziali e processuali delle principali novità degli ultimi anni in materia di diritto di famiglia. L’opera rende conto dell’intero...




SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here