C’è tempo fino al 31 dicembre per inviare la dichiarazione sostitutiva di non detenzione di un apparecchio televisivo, quindi restano pochi giorni a disposizione per evitare di pagare il canone Rai nel 2018. Già dalla bolletta di gennaio ci sarà il primo dei 10 addebiti previsti nella bolletta della luce.

Come chiedere l’esenzione dal Canone Rai

Ricordiamo che con la Legge di Stabilità 2016 il Canone TV viene riscosso con un addebito automatico sulla bolletta dell’utenza elettrica e si basa sulla presunzione di detenzione di un televisore da parte del titolare dell’utenza. Il pagamento avviene in 10 rate, da gennaio a ottobre.

I cittadini che non possiedono un apparecchio televisivo non sono tenuti a versare il Canone RAi e per non pagarlo devono inviare una dichiarazione sostitutiva all’Agenzia delle Entrate nella quale attestano che non possiedono (nè loro nè un altro componente familiare) apparecchi tv in nessuna della abitazioni nelle quali sono titolari della utenza della luce.

Questa dichiarazione può essere presentata anche dall’erede per comunicare che nell’abitazione intestata a una persona deceduta, non è presente un televisore.

La dichiarazione sostitutiva ha validità annuale e deve essere reinviata ogni anno.

Leggi anche Canone Rai in bolletta, a chi spetta l’esenzione?

Nuovo modello online per l’esenzione Canone Rai

È disponibile sul sito dell’Agenzia delle entrate e della Rai il nuovo modello della dichiarazione sostitutiva che può essere inviata  attraverso un’applicazione web disponibile sul sito internet delle Entrate, utilizzando le credenziali Fisconline o Entratel, oppure tramite gli intermediari abilitati.

Il modello può anche essere spedito per posta, insieme a un documento valido di riconoscimento, in plico raccomandato senza busta, all’indirizzo: Agenzia delle entrate Ufficio di Torino 1, S.A.T. – Sportello abbonamenti tv – Casella Postale 22 – 10121 Torino.
Altra via possibile, è la presentazione per posta elettronica certificata, firmata digitalmente, all’indirizzo cp22.sat@postacertificata.rai.it.

Leggi anche Esenzione canone Rai, come compilare il modello

Ricordiamo che il primo addebito ci sarà con la bolletta di gennaio, consigliamo quindi di inviare la dichiarazione sostitutiva entro il 31 dicembre e, in caso di spedizione cartacea, entro il 20 dicembre.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


2 COMMENTI

  1. Io non ho inviato in busta chiusa ma ho spillato i tre fogli (dichiarazione sostitutiva, 2 fogli e fotocopia del documento) insieme come viene richiesto dall’ Agenzia delle Entrate.

  2. La spedizione con raccomandata A.R. in busta aperta costa di più che in busta chiusa. Non vedo perchè si obblighi il cittadino a pagare un sovrapprezzo a meno di non ipotizzare una sorta di “gabella” – di corsia preferenziale- con la quale garantire comunque un “entrata” aggiuntiva allo Stato e a poste italiane S.p.A. …
    come dire che a legalizzare l’illegale è per primo il Governo

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome