maturità 2017

Tra meno di un mese i maturandi 2017 dovranno sottoporsi al famigerato e impegnativo Esame di Maturità. In particolare, i candidati all’esame di Stato si cimenteranno in tre prove scritte e un colloquio orale finale,  la cui struttura è rimasta anche per quest’anno quella tradizionalmente adottata: tema di italiano, seconda prova su una materia d’indirizzo, terza prova interna su materie scelte dalla Commissione.

Pare infatti che sia stata rimandata al 2019 la complessiva revisione dell’esame di quinta superiore, compatibilmente con l’operatività dei c.d. tirocini di alternanza scuola-lavoro che il Ministero ha deciso di inserire. Ma cosa succederà dopo l’Esame di Maturità?

Cosa succede dopo l’Esame di Maturità?

A parte un’estate spensierata, che accomunerà tutti i neodiplomati, bisognerà pensare, o meglio, decidere, che cosa fare del proprio futuro, e in particolare: cercare un lavoro o continuare la propria formazione iscrivendosi all’Università?

Questa è una domanda importante da porsi: ciò in quanto alcune facoltà universitarie prevedono test d’ingresso di sbarramento, senza superare i quali è preclusa l’iscrizione alle stesse.

Le Università e i test d’ingresso

Da ultimo la notizia relativa all’Università Statale di Milano, ente di formazione molto ambito dai giovani studenti. Sembrerebbe infatti che il Senato accademico dell’Università abbia approvato l’introduzione di test d’ingresso e numero di posti limitato per alcune facoltà, rectius Scuole, in virtù dei quali ben il 20% dei posti prima disponibili verranno tagliati.

Attualmente, le Facoltà interessate sarebbero Storia e Filosofia. Ma se la motivazione è prettamente economica, e deriva direttamente dai fondi che deve stanziare annualmente il Ministero, la preoccupazione deve essere generale, in quanto potrebbe ampliarsi anche ad altre realtà culturali e formative.

Quando iniziare a studiare per i test?

Gli studenti di Milano hanno protestato, rivendicando un’istruzione libera e incondizionata, e indirizzando alla Ministra dell’Istruzione Valeria Fedeli le seguenti parole: «Limitare gli accessi per mancanza di risorse è il fallimento dell’università pubblica. La soluzione è il rifinanziamento».

Dunque sarà il caso di decidere tempestivamente la strada da percorrere post Maturità 2017, specie se si dovrà far conto anche con i test d’ammissione.

Una volta scelto il corso di studi, e l’Università presso la quale ci si voglia iscrivere, lo studente dovrà accertarsi delle eventuali modalità di selezione dei candidati: vanno appurate, scadenze, date di sostenimento delle selezioni, materie su cui verteranno. Di qui la più antipatica conclusione: gli studenti che decidano di affrontare un test d’ingresso dovranno necessariamente mettersi ancora sui libri, subito poco dopo l’esame di maturità.

Giusto il tempo di un tuffo in mare!

L’ora di lezione non basta

L’ora di lezione non basta

Marco Orsi, 2015, Maggioli Editore

Galileo aveva vestito il suo occhio con il cannocchiale: ciò gli permise di scoprire la configurazione delle cose celesti. In questo libro l’autore propone di vestire a nuovo le classi delle nostre scuole.Se la formazione è così fondamentale come si dice, allora gli...




CONDIVIDI
Articolo precedenteApe social approvata: come si presenta domanda
Articolo successivoTar: uno straniero non può essere direttore di un museo italiano

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here