cellulare alla guida

Prima di continuare, fate un giro su questo sito o in alternativa date un’occhiata al video qui sotto. Fatto? Bene, andiamo avanti.

È estremamente probabile, per non dire certo, che il Codice della Strada verrà modificato per inasprire le pene previste per chi usa il cellulare durante la guida. Non solo chiamate, ovviamente, anche messaggi, texting, post su Facebook, Email, video buffi su whatsapp e gli, immancabili, messaggi vocali. Vi state chiedendo perché?

Perché coloro che usano il telefono durante la guida vedono crescere la loro probabilità di essere coinvolti in un incidente stradale di 23 volte! Un’enormità.

Non solo, vediamo qualche altro numero:

  • negli Stati Uniti, ogni anno, l’uso del cellulare alla guida causa 1,6 milioni di incidenti, per un totale di 500.000 feriti e 6.000 vittime. Per darvi un’idea, nel 2015 le vittime di incidente stradale totali negli USA sono state poco più di 35.000. Un sesto di queste circa stava probabilmente usando il cellulare;
  • L’80% degli incidenti è causato da un qualche tipo distrazione, bastano tre secondi per mettervi in pericolo;
  • Almeno l’11% degli automobilisti in strada in questo momento sta avendo una conversazione telefonica.

Fonte a questo link, per chi non ne avesse abbastanza.

Ritiro immediato per la patente per chi “messaggia” alla guida

Don't text and drive
Non scrivete mentre siete alla guida.

 

Le nuove misure prevederanno, stando a quanto trapela in questi giorni, il ritiro immediato della patente per chi sarà pizzicato ad utilizzare lo smartphone durante la guida. Attenzione, pare che sarà punito anche chi lo farà durante la sosta al semaforo e che il ritiro scatterà immediatamente, sin dalla prima violazione. Sarà consentito solamente conversare, a patto che ovviamente si utilizzino degli auricolari o il vivavoce.

Oggi la norma prevede già misure di questo genere, ma solo per i recidivi, cioè gli automobilisti che si macchiano per due volte nel biennio di sanzioni relative ai telefonini. La modalità di applicazione della sanzione oltretutto, rende difficile per gli agenti procedere al ritiro della licenza di guida. Con le nuove regole, oltre al ritiro immediato, si avrebbe anche l’abolizione dello sconto del 30% della sanzione in caso di pagamento entro 5 giorni, non previsto per le sanzioni che comportano la sospensione della patente.

Nulla trapela ancora per quanto riguarda la sanzione pecuniaria (oggi fissata a 161€), il quantitativo di punti da decurtare alla patente (oggi 5) e la durata della sospensione.

Le date: possibile un decreto già a maggio

Il Consiglio dei Ministri potrebbe intervenire d’urgenza, approvando un Decreto contenente le nuove norme già nel mese di maggio, in attesa poi che riparta l’iter legislativo del nuovo Codice della Strada.

La necessità di un intervento tempestivo è dimostrata anche dal numero di vittime registrate sulle strade del 2015, che per la prima volta dopo quindici anni (dal 2000) ha registrato un aumento.


CONDIVIDI
Articolo precedenteApe social: nuovo rinvio. Il Consiglio di Stato blocca il decreto
Articolo successivoLe conseguenze della manovra DEF

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here