Responsabilità Medica Ddl Gelli

La Responsabilità medica è legge, con 255 voti favorevoli e 113 contrari. Il Ddl Gelli recante “Disposizioni in materia di sicurezza delle cure e della persona assistita, nonché in materia di responsabilità professionale degli esercenti le professioni sanitarie”, è stato approvato.

Il Ddl Gelli si configura come strumento atto a semplificare il rapporto medico-paziente, introducendo forme più agevoli di risarcimento del danno da malasanità, ma anche prevedendo nuove tutele per il medico. Vediamo insieme in cosa consisterà la nuova legge.

Scarica il testo del Ddl Gelli

Responsabilità Civile del Medico: cosa cambia

La più incisiva modifica introdotta dal ddl è quella inerente la nuova forma di responsabilità civile del medico. Il professionista, infatti, se accusato di aver provocato un danno, in via generale potrà rispondere solo di responsabilità extracontrattuale ex art. 2043 c.c., senza che possa più profilarsi in modo automatico quella strettamente contrattuale ex art. 1218 c.c.

La differenza risiede nel fatto che è ora invertito l’onere della prova, addossato al paziente che si ritiene danneggiato, che dovrà dimostrare per primo la colpa del medico in questione. Lo stesso dovrà provare l’evento (la lesione), la causa (colpa del medico), ed il nesso di causalità tra condotta ed evento.

Ddl Gelli: accantonato il c.d. contatto sociale

La responsabilità contrattuale rimane per la struttura ospedaliera che, in quanto soggetto economicamente più solido, assicura un risarcimento più celere al paziente danneggiato. Resta anche per il medico specialista privato, e in ogni caso in cui sia possibile allegare un contratto da parte del professionista. Ciò ha già destato, tra l’altro, dubbi di legittimità costituzionale, in quanto sembrerebbe in contrasto con l’art. 3 Cost. e il principio di uguaglianza.

Responsabilità Penale del medico: cosa cambia

L’altra novità risiede nell’introduzione nel codice penale dell’ art. 590-sexies (responsabilità colposa per morte o per lesioni personali in ambito sanitario). L’imperizia a causa della quale un paziente subisca un danno è punibile solo se frutto di colpa grave. Tuttavia, il medico è sollevato da responsabilità penale se dimostrerà di aver rispettato le linee guida o le buone pratiche assistenziali.

Sul versante penalistico, quindi, il medico potrà essere accusato solo di omicidio colposo o lesioni personali: al di fuori di queste due casistiche, sarà sollevato da qualsiasi responsabilità penale qualora dimostri di aver rispettato le linee guida pubblicate dall’Istituto Superiore di Sanità.

Superata la distinzione giurisprudenziale tra colpa lieve e colpa grave.

Responsabilità del medico e risarcimento del danno dopo la riforma Gelli-Bianco

Responsabilità del medico e risarcimento del danno dopo la riforma Gelli-Bianco

Gianluca Pascale, 2017, Maggioli Editore

La presente opera è aggiornata alla riforma della responsabilità professionale del personale sanitario di cui  alla legge Gelli-Bianco. La tanto attesa novella affronta e disciplina, tra gli altri, i temi della sicurezza delle cure e del rischio sanitario, della...



Garante per il diritto alla salute

Introdotto per sorvegliare l’andamento qualitativo del Sistema Sanitario Nazionale è il c.d. Garante per il diritto alla salute, cui i cittadini potranno segnalare eventuali malfunzionamenti del sistema, soprattutto in merito alla mancata osservanza dei Lea, Livelli essenziali di assistenza.

Istituito anche a livello regionale il Centro per la gestione del rischio sanitario e della sicurezza del paziente. Da ultimo, l’Osservatorio nazionale delle buone pratiche sulla sicurezza nella sanità.

Conciliazione stragiudiziale e obbligo assicurativo

Come strumento deflattivo del contenzioso, il ddl Gelli ha introdotto l’obbligo del tentativo di conciliazione stragiudiziale, a pena di improcedibilità dell’azione processuale.

Inoltre, ogni struttura ospedaliera è obbligata a dotarsi di una assicurazione, nonché ogni medico, che sia un dipendente privato o un libero professionista.

Il Fondo di Garanzia, poi, provvederà a risarcire i danni ai pazienti nel caso in cui gli importi eccedano i massimali coperti dalle polizze assicurative delle strutture o dei professionisti, nonché in caso di insolvenza delle stesse. Il fondo è alimentato con i contributi obbligatori annuali versati dalle compagnie autorizzate all’esercizio dell’assicurazione per i rischi derivanti da responsabilità sanitaria.


CONDIVIDI
Articolo precedenteCodice della Strada: cosa si rischia con la targa falsa o alterata?
Articolo successivoPensione anticipate: parte oggi la fase attuativa dell’Ape

3 COMMENTI

  1. Il DDL in oggetto modifica profondamente i limiti e i termini della responsabilità medica. Vi sono, a parer mio, alcuni elementi positivi che però si bilanciano con una restrizione del raggio d’azione del paziente che ha subito il danno.

  2. E nemmeno la responsabilità penale comabia come da Lei riferito, dato che l’ultima versione del testo ora alla Camera ha chiaramente abbandonato ogni riferimento alla distinzione tra colpa lieve è colpa grave!! Si tratta di argomenti seri e delicati e varrebbe la pena verificare con accuratezza le
    Notizie !

  3. Mi perdoni ma quale testo ha commentato? Quando mai sparisce la responsabilità contrattuale dell’esercente se è espressamente prevista ibe sia allegato è provato un contratto? E tenuto conto che la prova si potrà agevolmente fornire proprio con gli argomenti tratti dalla teorica del contatto sociale?

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here