codice della strada

Cosa succede se si altera la targa della propria auto per evitare la muta dell’autovelox o del tutor? Bisogna distinguere tra alterazione involontaria e volontaria.

Cosa prevede il Codice della Strada

Se l’alterazione/contraffazione è involontaria scatta la contravvenzione amministrativa da un minimo di € 1.988 a un massimo di € 7.943 mentre, nel caso in cui l’automobilista abbia volontariamente alterato la targa coprendo o modificando numeri o lettere della stessa, si commette reato, con conseguente cumulo di sanzione amministrativa e sanzione penale. ( Cass. Sent. n. 7614/17).

Tutte le informazioni le puoi trovare nel seguente prontuario:



Il Codice della Strada (CDS art. 100 comma 14) prevede infatti: “chiunque falsifica, manomette o altera targhe automobilistiche ovvero usa targhe manomesse, falsificate o alterate, è punito ai sensi del codice penale ( Cass. n. 7614/17).Viene in considerazione, in tal caso, il reato di “uso di atto falso”.

Altra ipotesi in parte diversa si verifica allorchè l’automobilista , scegliendo una forma”lieve” di illecito, si limita a sporcare la targa con del fango o ad applicare del nastro adesivo, al fine di rendere illeggibili le lettere o i numeri della stessa.

In questo caso la sanzione risulta più lieve: il Codice della Strada prevede, infatti, una sanzione amministrativa da € 41,00 ad € 168,00; gli stessi importi sono previsti in caso di superamento più lieve dei limiti di velocità.

In tale ipotesi, inoltre, non scatta la decurtazione dei punti dalla patente.

 


SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here