diga oroville california

A Oroville, sono circa 200mila le persone costrette ad abbandonare le loro abitazioni per il possibile collasso della diga più alta degli Stati Uniti.

A causa di un inverno carico di piogge e neve il bacino idrico è al limite della capienza e adesso si rischia grosso. Sabato scorso le autorità hanno attivato lo scarico di emergenza, ma purtroppo sta iniziando a crepare.

Vediamo i dettagli della diga di Oroville.

Oroville: lotta contro il tempo


Dagli elicotteri stanno lanciando grandi sacchi di pietre nella crepa così da poter scongiurare il peggio.

Le autorità rassicurano i cittadini, infatti nelle ultime ore la situazione catastrofica è stata tamponata, ma l’obiettivo è quello di abbassare il livello dell’acqua prima delle piogge previste nei prossimi giorni.

Jerry Brown, il governatore della California, ha dichiarato che si sta facendo tutto il possibile per sistemare la diga così da permettere alle persone di tornare nelle loro case.

Oroville California: ecco le caratteristiche della diga

La diga di Oroville è stata costruita tra il 1962 e il 1968, è considerata la più alta degli Stati Uniti per i suoi 243,7 metri, 12 metri in più rispetto quella di Hoover.

Oroville sta vivendo giorni di panico a causa della crepa provocata da un deterioramento della struttura, questo ha generato la fuoriuscita di un enorme flusso d’acqua che potrebbe far crollare la diga e inondare l’intera valle circostanze.

Sono state evacuate le seguenti le città così da evitare situazioni drammatiche:
• Palermo,
• Gridley,
• Thermalito,
• South Oroville, Oroville Dam,
• Oroville East e
• Wyandotte.


CONDIVIDI
Articolo precedenteConcorso pubblico: operatore di vigilanza
Articolo successivoAgenzia delle Entrate: la vexata quaestio della lotta alla evasione fiscale

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here