rottamazione cartelle esattoriali

Nel decreto collegato alla legge di Stabilità 2017 (decreto legge 193/2016) è stata approvata la rottamazione delle vecchie cartelle esattoriali.

Clicca qui per l’approfondimento su ROTTAMAZIONE CARTELLE ESATTORIALI

A differenza di quella passata, questa sanatoria ammette il saldo a rate delle cartelle. Inoltre, tra le varie novità, prevede il taglio delle sanzioni e degli interessi.


Tuttavia, il decreto legge, in sede di conversione, sta subendo una serie di rilevanti emendamenti che in sostanza ne hanno ridefinito la fisionomia.

Procedendo con ordine, di seguito si riporta una guida alle più importanti novità in materia di rottamazione cartelle.

Tutte le ultime novità nel seguente eBook:

Rottamazione cartelle esattoriali: come funziona il pagamento a rate

Il decreto legge 193/2016, nella sua formulazione originaria, all’art. 6 “definizione agevolata” stabilisce che: “Relativamente ai carichi inclusi in ruoli, affidati agli agenti della riscossione negli anni dal 2000 al 2015, i debitori possono estinguere il debito senza corrispondere le sanzioni incluse in tali carichi, gli interessi di mora di cui all’articolo 30, comma 1, del decreto del Presidente della Repubblica 29 settembre 1973, n. 602, ovvero le sanzioni e le somme aggiuntive di cui all’articolo 27, comma 1, del decreto legislativo 26 febbraio 1999, n. 46, provvedendo al pagamento integrale, anche dilazionato, entro il limite massimo di quattro rate”.

In pratica si tratta dell’articolo del D.L. che sta subendo i più rilevanti ritocchi in quanto l’emendamento appena approvato dalla Camera ha inserito nella sanatoria anche i carichi affidati ad Equitalia nel 2016, aumentando altresì  il numero massimo di rate da 4 a 5.

Almeno il 70% del debito, in ogni caso, dovrà essere pagato entro la fine del prossimo anno.

Sanatoria Equitalia: inseriti anche i carichi del 2016, cosa comporta?

Nel far slittare tutte le scadenze, l’inclusione del 2016 nella sanatoria ha fatto sì che sia anche posticipato il termine entro cui chiedere o integrare la domanda di rottamazione, fissato al 31 marzo 2017.

Al fine di presentare la domanda, infatti, il soggetto debitore è tenuto a manifestare all’Agente della Riscossione (ADR o Equitalia) la rispettiva  volontà di avvalersi della sanatoria. Lo stesso potrà farlo scaricando il modulo disponibile nel sito di Equitalia (SCARICA QUI IL MODULO DI DOMANDA).

Il debitore dovrà anche dichiarare in quante rate vorrà saldare il debito oltre ad eventuali pendenze di giudizio che hanno ad oggetto i carichi ai quali la dichiarazione fa riferimento, prendendo l’impegno di rinunciare al giudizio.

Infine, dal momento che gli adempimenti di competenza dell’Agente della riscossione riguardanti il 2016, per motivi prettamente temporali, rischiano di non essere eseguiti prima della scadenza del 31 marzo, si ipotizza che Equitalia sia tenuta ad avvisare il soggetto interessato (a mezzo posta ordinaria) della sussistenza di partite affidatele, ma di cui non è stata ancora notificata la cartella, non è stata trasmessa la raccomandata successiva agli accertamenti esecutivi, né tanto meno è stato notificato l’avviso di addebito.

Come rottamare le cartelle di Equitalia? Clicca qui per il pacchetto eBook

Sanatoria Equitalia: quando si decade?

I casi previsti di decadenza dalla sanatoria riguardano in particolare le circostanze di pagamento non sufficiente o di versamento tardivo (anche di un giorno soltanto).

Anche nel caso in cui si decada dalla sanatoria, resta comunque la possibilità per il soggetto decaduto di chiedere la dilazione del debito residuo, a patto che la notifica dell’accertamento esecutivo, dell’avviso di addebito oppure della cartella di pagamento non abbiano avuto luogo più di 60 giorni prima rispetto alla data in cui è stata presentata la relativa domanda.

Le rate in scadenza a partire dal 2017

Sulle rate che, a partire dal 1° gennaio 2017, scadono viene prevista la possibilità di sospendere tutti i pagamenti fino alla prima rata stabilita per la rottamazione.

Rottamazione cartelle esattoriali: chi è escluso

Si precisa che l’accesso al nuovo meccanismo include soltanto i debiti tributari oppure quelli correlati ad obblighi previdenziali o assistenziali.

Chi non si avvale di Equitalia cosa deve fare?

Per quegli enti che per la riscossione non si avvalgono di Equitalia, il decreto fiscale prevede che gli stessi siano chiamati a regolamentare la definizione delle ingiunzioni di pagamento non ancora riscosse entro 60 giorni mediante regolamento con cui stabilire anche la scadenza delle rate (che si ricorda è da fissare al massimo al 30 settembre 2017).

In tali circostanze, sono compresi nello sconto della rottamazione sia gli interessi di mora che le sanzioni.


CONDIVIDI
Articolo precedenteReferendum 4 dicembre: la Costituzione com’è e come sarà se vince il Sì
Articolo successivoConcorso 800 cancellieri. Tutte le novità del bando 2016

10 COMMENTI

  1. Con la rottamazione il risparmio è molto inferiore a quanto si pensava
    La rottamazione non è uno strumento sbagliato ma è per pochi, è rivolto ai contribuenti che hanno liquidità
    Con la rottamazione c’è il concreto rischio che si vanno a pagare importi non dovuti
    Il governo deve fare cassa rispetto alle norme che stabiliscono i termini di prescrizioni
    Inoltre attenzione allo scandalo dei falsi dirigenti Equitalia che firmavano i fermi le ipoteche ed i pignoramenti senza avere un titolo esecutivo
    Quelli sono tutti nulli,con la rottamazione non ve lo dicono che il debito si annulla
    Sono Stefano lavoro in una fondazione antiusura chiamatemi per avere consigli utili
    Stefano cell 3295688805
    E-mail: cfabbrici103@libero.it

  2. Con rateizzazione ad Equitalia sto pagando una concessione demaniale risalente al 2012 e ho sentito dire che dopo 5 anni alcuni debiti si considerano decaduti.Corrisponde a verità?Grazie a chi mi risponderà

    Patty

  3. come si fara´as usufruire di questa pseudo agevolazione,se bisognera´pagare in 4 rate solamente?

    Giuseppe

  4. quindi mi confermate che se vado in equitalia non mi fanno un calcolo di risparmio ma devo chiedere la rottamazione a scatola chiusa senza sapere lo sconto ed avendo oltretutto DUE piani di rateizzazione in corso gia belli pesanti ?

  5. in effetti, la necessità di accattivare consensi per le urne referendarie od elettorali, non fa altro che frustrare chi si trova a pagare diligentemente cartelle scaturite, magari come nel mio caso, da commercialisti (che non dovrebbero appellarsi tali in rispetto di chi svolge questa professione con attenzione e serietà), dicevo mi sento appunto frustrata perchè ho pagato già oltre la metà delle rate e le prossime, tolte l’appena pagata e poi quella di dicembre, saranno da pagare perchè, come dicevano altri già prima di me, fra interessi ed agio resta ben poco da “agevolare” …..ho un bimbo piccolo altrimenti andrei in tv magari “UNO MATTINA” per dire da quella finestra nazionale, come stanno veramente le cose…si mi sento offesa, perchè continuano a prenderci per i fondelli e frustrata perchè, chi è onesto, può solo sperare nella GIUSTIZIA DIVINA

  6. appunto…anche per me gli unici che ne avranno beneficio saranno le persone che volutamente non hanno pagato…per chi ha rateizzazioni in corso…al di là che deve mettersi in regola al 31.12.2016…. non avrà sgravato gli interessi gia pagati ma solo quelli che andranno a scadere…..e per delle simulazioni che ho effettuato in studio…. non ne vale la pena se hai una rateizzazione superiore ai 2 anni…. perché quello che depennano non compensa quello che si andrà a pagare in 5 rate…

  7. Il signor La Monica, purtroppo, ha perfettamente ragione. Ho in essere una rateazione per un importo iniziale considerevole e non ho ancora capito il “versato sino ad’ora” come verrà considerato. La rottamazione nel mio caso avrebbe senso solo considerando anche gli interessi agio e quanto altro versati sino ad oggi secondo il piano di rateazione come utii per abbattere il debito iniziale. Il che nel mio caso significherebbe estinzione del debito, avendo già pagato in esubero rispetto al debito iniziale. E’ ancora un mistero per me come verrà eseguito il ricalcolo. Non vorrei che l’accettazione al buio della definizione agevolata mi costringesse a pagare in breve tempo un importo di poco inferiore a quello attualmente residuo ma in minor tempo…..
    Alessandra Lucidi

  8. Equitalia e rottamazione, bene come al solito si fanno le cose in modo a dir poco allucinante. Tante belle parole, tante belle promesse ma il tutto deve essere accettato a scatola chiusa.
    Se ti rechi in Equitalia e chiedi una simulazione questa non è possibile; o accetti o niente. E se hai una rateazione in essere, magari per una somma non piccola che già stai pagando, se aderisci alla rottamazione perdi la rateazione senza sapere quanto andrai a risparmiare e soprattutto se sarai in grado di pagare in 5 rate ciò che avevi rateizzati in 72.
    Dei veri “GENI”. Come al solito converrà a chi non ha mai pagato….

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here