guida con foglio rosa

Se si verifica un incidente stradale, chi ha diritto al risarcimento dei danni?

Ne ha diritto quella persona che è salita sul proprio veicolo dato in affidamento ad un soggetto dotato unicamente di foglio rosa. Infatti, in tale situazione, la persona in questione non assume un ruolo diverso da quello di trasportato.

Il caso

Nello specifico, si riporta il caso di una ragazza neopatentata che aveva permesso ad un amico, non ancora munito di patente ma del solo foglio rosa, di guidare la propria automobile. Sfortunatamente, la lezione di guida “privata” aveva avuto però esito infausto. La ragazza, dunque, proponeva domanda di risarcimento danni derivanti dal sinistro stradale.


Tuttavia, la richiesta era stata rigettata dai giudici di merito, che ritenevano che l’attrice “avesse voluto assistere l’amico in una simulazione di guida, assumendosene conseguentemente la responsabilità”.

Secondo tale impostazione, l’interessata non poteva né fruire della copertura dell’assicurazione obbligatoria RCA  né pretendere alcun risarcimento.

Chi ha la responsabilità?

La ragazza in questione si così è rivolta alla Cassazione, impugnando la sentenza che, sulla base del fatto che esistesse tra lei e l’amico-guidatore un rapporto di confidenza, la individuava come “assistente alla guida”, invece che “terza trasportata”.

I giudici della Cassazione le hanno dato ragione, dicendo che, in effetti, i Giudici di merito avevano errato nell’introdurre la nuova figura dell’assistente di guida nel sistema, una figura che, oltre ad essere inesistente ai sensi della norma, toglie qualsiasi possibilità di risarcimento dei danni patiti.

Il ricorso, quindi, per i Supremi Giudici è fondato e la sentenza impugnata è ora annullata. Ora, i nuovi giudici sono chiamati a pronunciarsi attenendosi a quanto dettato dalla Cassazione, ovvero il principio di diritto secondo il quale: «colui che, dotato di patente guida, affida una vettura in propria disponibilità a un soggetto dotato solo del cosiddetto foglio rosa e su tale vettura sale, non assume un ruolo diverso da quello di trasportato e l’affidamento della vettura di per sé non lo grava di cooperazione colposa nel caso in cui successivamente si verifiche un sinistro stradale per l’imperita condotta del guidatore affidatario».

Si consiglia il seguente volume


CONDIVIDI
Articolo precedenteLa riforma “a rate” dell’ente intermedio in Sicilia nuoce gravemente ai siciliani
Articolo successivoGiornate della Polizia Locale: il più grande evento sulla Polizia Locale in Italia

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here