banca monte dei paschi

Le banche italiane hanno superato gli stress test sulla tenuta patrimoniale. Tutte tranne una, ovvero Mps.

È la peggiore delle banche europee. Il risultato era atteso, ma far pur sempre male, considerato che si tratta della terza banca italiana.

Adesso ci sarà l’aumento del capitale sociale per 5 miliardi, e la vendita di 27 miliardi di euro di crediti deteriorati. Non più di “soli” 10 miliardi, ma addirittura di 27.


Anche queste sono misure previste, di cui si è molto parlato in questi giorni. Dunque, nonostante il cambio dei vertici della banca, e i precedenti aumenti di capitale, la crisi del Mps continua.

La crisi del Monte dei Paschi continua

Si consiglia il seguente volume

Come difendersi dalle banche

Come difendersi dalle banche

Rosanna Cafaro, 2011, Maggioli Editore

L'opera con taglio operativo, aggiornata alla gi urisprudenza recente, presenta un FORMULARIO articolato con contenuti giudiziari. Pertanto si pone come uno strumento di ausilio per tutti coloro che si imbattono nelle problematiche bancarie e più precisamente nelle controversie che hanno ad...



Si dice che l’aumento del capitale sociale sarà fatto con capitali privati, ma chi se la sente di investire nella banca peggiore d’Europa? Che non è proprio il biglietto da visita migliore per presentarsi sul mercato e chiedere soldi.

Si dice che interverrà il Fondo Atlante. Almeno così auspica il ministro del Tesoro, dal momento che le nuove regole del bail-in escludono gli interventi pubblici, ma prevedono che a salvare la banca dalla bancarotta siano gli azionisti e gli obbligazionisti, cioè i proprietari e i creditori.

Ma il Fondo Atlante, invocato come il deus ex machina, da dove prende i soldi? Perché dovrebbe trovare conveniente investire in Mps? Si parla anche di un intervento della Cassa Depositi e Prestiti, ovvero delle Poste italiane, ovvero dei correntisti postali. Tra cui moltissimi pensionati.

Ma è giusto che Cdp intervenga in una operazione di investimento tanto rischiosa, com l’aumento di capitale di Mps? E se i correntisti postali non condividono, quale arma hanno per manifestare il loro dissenso? Chiudere il conto corrente o il deposito a risparmio?

E un eventuale intervento della Cdp, probabile perché il Fondo Atlante non ha 5 miliardi di euro da investire, non sarebbe una forma di intervento pubblico, poiché la Cassa Depositi e Prestiti è in parte di proprietà del ministero del Tesoro?

E chi garantisce che, con questo nuovo aumento di capitale sociale, le cose andranno meglio per Mps? L’aumento è solo il primo passo, ma poi come si va avanti giorno dopo giorno, con le oscillazioni di borsa che bruciano miliardi?

Ma non è meglio, giunti a questo punto, far fallire Mps e salvare i depositi al di sotto dei 100mila euro? È una soluzione dolorosa, ma almeno diremmo basta a questi continui scontri tra il governo italiano da una parte, e la Commissione europea dall’altra.

Sono mesi ormai che sulle pagine economiche dei giornali non si parla d’altro. Come dice Matteo Renzi, non si può restare nella palude.


CONDIVIDI
Articolo precedenteEquitalia, cartelle non pagate? Ecco come essere riammessi alla rateazione
Articolo successivoCome cambierà il lavoro per dipendenti e autonomi con lo smart working

1 COOMENTO

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here