banche italiane

A margine del G20 di Chengdu, l’intervento del ministro dell’Economia italiano Pier Carlo Padoan sulle banche italiane è stato perentorio: il ministro, infatti, ha escluso il ricorso immediato ai meccanismi di autosalvataggio o bail-in.

Per approfondire si consiglia lo speciale su Banche e bail-in: quale futuro

In riferimento al futuro delle banche italiane ha mantenuto una posizione netta anche il governatore della Banca d’Italia, Ignazio Visco, chiarendo come semplificare il tutto ad un mero problema del settore creditizio sia sviante.


Secondo Visco in questo modo, infatti, si riduce la questione e “Non si tiene conto del fatto che la gran parte dei crediti è stata già svalutata nei bilanci dalle banche. Dunque, una buona parte di quei crediti deteriorati possono tornare in bonus. Una volta considerate le svalutazioni già apportate, sono 87 miliardi. E una larga parte di queste sofferenze ha a fronte garanzie importanti”.

Per questo, ha proseguito Visco, la maggior parte delle banche italiane non ha problemi nel trattare lo smaltimento delle sofferenze nel corso del tempo. Pertanto, i problemi che persistono, secondo il governatore, riguardano alcune, specifiche banche.

Per approfondimenti si consiglia il seguente volume:

Come difendersi dalle banche

Come difendersi dalle banche

Rosanna Cafaro, 2011, Maggioli Editore

L'opera con taglio operativo, aggiornata alla gi urisprudenza recente, presenta un FORMULARIO articolato con contenuti giudiziari. Pertanto si pone come uno strumento di ausilio per tutti coloro che si imbattono nelle problematiche bancarie e più precisamente nelle controversie che hanno ad...



Le banche a rischio

Con riferimento alle banche con carenze patrimoniali, il governatore della Banca d’Italia, ha affermato che “Se i problemi di queste banche debbono essere risolti prima, esse dovranno fare i conti con dei valori scontati”.

Nel caso, infatti, venga ipotizzato uno sconto della metà, tenendo conto che già all’inizio di luglio la banca centrale aveva accertato in 15 miliardi l’ammontare delle sofferenze nette, è possibile quantificare l’attuale crisi del settore bancario in circa 7-8 miliardi.

Secondo Visco si tratta sicuramente di una cifra importante, ma che tuttavia non fa parlare “di crisi del sistema di credito italiano”. Secondo il numero uno di Bankitalia, infatti, quello italiano rimane un sistema solido, “un sistema che ha molte banche – ha aggiunto – per le piccole stiamo aspettando che si aggreghino, ed è un sistema che risente di una recessione molto forte e profonda”.

Banche italiane: gli interventi da fare

Tra gli interventi citati dal governatore Visco: nuove azioni per agevolare l’incontro tra domanda e offerta. “Inoltre ci sono interventi, anche eventuali, dei backstop che, se necessario, si possono attuare”.

Infine, Visco ha citato il fatto che le quotazioni delle banche siano precipitate per via della comune percezione in base alla quale in mancanza di crescita le banche cadono nel caos, visione secondo Visco semplicistica in quanto le difficoltà non attengono all’intero sistema  ma soltanto ad alcuni istituti.

 

 


CONDIVIDI
Articolo precedenteDecreto Enti locali 2016: dopo il sì della Camera ecco le novità previste
Articolo successivoAgenzia delle Entrate: presto addio a scontrini e ricevute

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here