unione europea

Il piano per l’istituzione di una nuova Agenzia delle frontiere e guardia costiera europea, un pool di reazione rapida composta da 1.500 guardie di frontiera da mobilitare in caso di aumento della pressione sulle frontiere esterne, è stato approvato dal Parlamento europeo.

Il Parlamento europeo ha approvato un piano che prevede di istituire un sistema europeo di controllo delle frontiere, che riunisca l’Agenzia Frontex e le varie autorità nazionale dei Paesi membri dell’UE.

Sotto questi piani, autorità nazionali riusciranno ancora ad avere il controllo delle loro frontiere su base giornaliera, ma in caso di grande pressione, potranno invocare l’aiuto Agenzia delle frontiere e guardia costiera europea, di mobilitare rapidamente il pool delle guardie di frontiera europee.


“Il regolamento sulla frontiera e guardia costiera europea farà sì che le frontiere esterne dell’UE siano più sicure e meglio gestite. Non si tratta di una panacea che possa risolvere la crisi di migrazione che l’UE deve affrontare oggi o ripristinare completamente la fiducia nello spazio Schengen, ma è veramente necessario che si compia un primo passo”, ha detto il relatore Artis Pabriks sulla proposta, che è stata approvata con 483 voti a favore e 181 contrari, mentre 48 sono state le astensioni.

VAI ALL’ARTICOLO COMPLETO


CONDIVIDI
Articolo precedenteRiforma Processo Civile: cosa cambia con il decreto in arrivo. Le principali novità
Articolo successivoStato di adottabilità alla luce della nuova sentenza della Cassazione

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here