come affrontare le delusioni

Chi non ha provato un moto di delusione dal risultato della partita ItaliaGermania ai quarti Euro 2016 alzi la mano!

Che cos’è la delusione?

È uno stato d’animo di amarezza, frustrazione, tristezza, rabbia attivato dalla constatazione che una nostra convinzione, speranza o aspettativa non trova riscontro nella realtà. Più elevate sono le attese, maggiormente negativo il sentimento che proviamo.  Lo scrittore H.G. Wells, la definì “verità nelle quali crescere”.

Interessante in questo senso l’etimologia della parola. “Delusione” deriva dal sostantivo latino “de-lusio” a sua volta derivante dal verbo “de-ludere” che significa “prendersi gioco, burlare, canzonare”. Come dire che questo stato d’animo nasce quando un evento ci fa accorgere che la nostra mente si è presa gioco di noi facendoci costruire – spesso con lenti percettive edulcorate dal “wishful thinking” –  l’immagine di persone, speranze, aspettative, progetti, in modo da credere una cosa per un’altra.


La delusione ha quindi il pregio di essere un mezzo per mascherare un’ illusione facendoci aprire gli occhi .

La delusione è un’emozione e, in quanto tale, è nella nostra zona di potere decidere quanto farla durare e cosa vogliamo farne: vogliamo crogiolarci in essa o utilizzarla per evolvere? Vogliamo farla durare un attimo oppure una vita? Vogliamo alimentarla vivendo o rivivendo nella nostra mente l’evento oppure decidere di reagire in maniera costruttiva, imparando dall’esperienza?

  1. Accetta la realtà se non puoi cambiarla. Se invece puoi cambiarla, utilizza ciò che stai sperimentando come un feedback per capire cosa puoi fare di nuovo o di diverso.
  2. Accetta senza giudizio il tuo stato d’animo. Stai solo sperimentando un’emozione, cioè un segnale biochimico portatore di un’informazione.
  3. Raccogli quell’informazione e chiediti cosa ti sta dicendo. Agisci di conseguenza.
  4. Prenditi una pausa e fai in modo analizzare la situazione in maniera distaccata.
  5. Ribalta la prospettiva: invece di focalizzarti solo sul lato negativo, sposta l’attenzione su cosa funziona.
  6. Chiediti cosa puoi imparare.
  7. Cosa ti ha portato a provare la delusione? Verifica i presupposti iniziali: le tue aspettative erano realistiche o illusorie? Come puoi ridimensionarle? Cosa puoi cambiare?
  8. Esprimi gratitudine per quello che hai.
  9. Sii gentile con te stesso/a.
  10. Vai avanti con fiducia restando aperto a nuove opportunità.

E tu? Come affronti le delusioni?

“Non è vero che le persone smettono di inseguire i propri sogni quando diventano vecchie. Diventano vecchie quando smettono di inseguire i propri sogni” Gabriel Garcia Marquez

Si consiglia il seguente volume:

L’individuo fragile

L’individuo fragile

Andrea Millefiorini, 2015, Maggioli Editore

Il processo di “individualizzazione” può essere definito come quel fenomeno culturale per il quale l’individuo moderno e contemporaneo tende 
a svincolarsi sempre di più dal controllo rigido 
e coercitivo esercitato da istituzioni familiari, educative,...




CONDIVIDI
Articolo precedenteCome accedere ai Fondi europei: guida per il libero professionista
Articolo successivoSocial Card Disoccupati 2016: i beneficiari, come richiederla, come usarla

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here