effetto brexit

Dopo il voto britannico pro Brexit e la conseguente uscita del Regno Unito dall’Unione Europea, tutti i leader del vecchio continenti, compreso Matteo Renzi, si sono spesi per rassicurare i cittadini preoccupati per la sorte dei rispettivi risparmi.

Il Presidente del Consiglio ha dichiarato ieri, prima del vertice dei capi di Stato e di Governo europei a Bruxelles, dedicato proprio all’uscita di Londra dalla UE: “Stiamo discutendo, affronteremo eventuali emergenze ma i cittadini siano consapevoli che non c’è alcun rischio per i loro risparmi”.

Nuovi stanziamenti per l’Italia

Confermando il cosiddetto “Effetto Brexit” sui rapporti degli Stati membri con Bruxelles, è stata poi confermata dal premier italiano l’approvazione della commissione UE ad un aumento dei Fondi di coesione per 1,4 miliardi di euro da stanziare per PMI e per incentivare il mercato del lavoro per i giovani.


A margine del vertice bruxellese, Renzi ha riassunto quanto emerso twittando:  “Ho portato la voce dell’Italia al consiglio UE post Brexit. Vogliamo un’Europa sociale che parli di volontari, cultura, asili nido. Non solo banche e burocrati”.

Si consiglia il seguente volume

Come difendersi dalle banche

Come difendersi dalle banche

Rosanna Cafaro, 2011, Maggioli Editore

L'opera con taglio operativo, aggiornata alla gi urisprudenza recente, presenta un FORMULARIO articolato con contenuti giudiziari. Pertanto si pone come uno strumento di ausilio per tutti coloro che si imbattono nelle problematiche bancarie e più precisamente nelle controversie che hanno ad...



Il piano banche per l’Italia

Per quanto concerne il piano per le banche italiane sembra orientato principalmente in 3 direzioni.

1) Bail in e intervento dello Stato: cosa cambia?

La prima è quella che vede effettuare una revisione delle regole vigenti: ad esempio un ritocco al bail-in che mette in seria discussione la fiducia dei risparmiatori sottoscrittori di senior bond o detentori di depositi oltre i 100mila euro negli istituti bancari, che sostanzialmente sono tenuti a pagare in parte il costo del fallimento bancario; o ancora l’allentamento della rigida versione interpretativa dell’intervento dello Stato nel settore delle banche.

Potrebbe interessarti anche:

Come difendersi dalla riscossione coattiva

Come difendersi dalla riscossione coattiva

Sergio Mogorovich, 2016, Maggioli Editore

Il Manuale guida il lettore alla migliore interpretazione delle procedure di riscossione coattiva e alla più chiara conoscenza di quelli che sono gli strumenti, le attività e i poteri dell’agente della riscossione, in modo da poter predisporre le opportune contromosse...



2) Unione bancaria: cosa cambia?

La seconda è quella che vorrebbe velocizzare l’Unione bancaria (ancora a rilento) allo scopo di attivare ciò che ancora non c’è, come ad esempio la garanzia unica sui depositi o il fondo di risoluzione sostenuto anche dalle banche.

3) Padoan-bond: cosa sono?

L’ultima, invece, va verso l’introduzione di nuovi strumenti da utilizzare in situazioni di necessità, titoli sottoscritti dal Tesoro. Per quanto riguarda il piano per le banche italiane si parla di Padoan-bond, versioni innovative di titoli ibridi perpetui emessi dalle banche e sottoscritti dal Tesoro, a seguito dei Monti-bond e dei Tremonti-bond.


CONDIVIDI
Articolo precedenteAcquisto immobile in locazione: quando si deve pagare l’indennità di avviamento
Articolo successivoCertificazione APE: in vigore le nuove regole per l’attestato di prestazione energetica degli edifici

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here