referendum costituzionale

Con un comunicato stampa diffuso nel tardo pomeriggio di martedì 10 maggio, il Primo Presidente della Corte Suprema di Cassazione, Giovanni Canzio, dà notizia che l’Ufficio Centrale per il Referendum ha ammesso le richieste di referendum sul testo di legge costituzionale approvato dalle Camere.

L’Ufficio Centrale per il Referendum presso la Corte di Cassazione ha dichiarato conformi all’art. 138 Cost. e alla l. n. 352/1970 le quattro richieste di referendum del testo di legge costituzionale approvato dalle Camere.

IL QUESITO REFERENDARIO: COSA DICE?

Ha, dunque, dichiarato legittimo il seguente quesito referendario: “Approvate il testo della legge costituzionale concernete “disposizioni per il superamento del bicameralismo paritario, la riduzione del numero dei parlamentari, il contenimento dei costi di funzionamento delle istituzioni, la soppressione del CNEL e la revisione del titolo V della parte II della Costituzione“, approvato dal Parlamento e pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 88 del 15 aprile 2016?

© RIPRODUZIONE RISERVATA


1 COOMENTO

  1. nel caso di approvazione della riforma costituzionale, le nuove norme sui referendum abrogativi,
    valgono anche per la raccolta dei referendum in corso?

SCRIVI UN COMMENTO

Scrivi il tuo commento!
Inserisci il tuo nome