Le prestazioni di assistenza, tra cui la pensione ai superstiti, sia di reversibilità che indiretta, pare che tornino ad essere ancorate all’ISEE.

PER TUTTI GLI ULTIMI AGGIORNAMENTI SI CONSIGLIA IL NOSTRO SPECIALE SU:

RIFORMA PENSIONI 2016: TUTTO QUELLO CHE C’E’ DA SAPERE

Nonostante le precedenti affermazioni circa l’annullamento della cancellazione della pensione di reversibilità, infatti, l’Esecutivo sembra voler fare marcia indietro reintroducendo nel Def (Documento di Economia e Finanza) quanto originariamente indicato nel disegno di legge “Povertà”, vale a dire un risolutivo riordino delle prestazioni assistenziali, tra cui risulterà appunto anche la pensione di reversibilità.

PER APPROFONDIRE SI CONSIGLIA LA GUIDA AL NUOVO ISEE 2016

PER ULTERIORI APPROFONDIMENTI SI CONSIGLIA IN OFFERTA SPECIALE:

Isee e prestazioni sociali   e socio-sanitarie

Isee e prestazioni sociali e socio-sanitarie

Massimiliano Gioncada - Francesco Trebeschi - Paolo Achille Mirri - Alessandro Candido, 2015, Maggioli Editore

Salutato come uno strumento efficiente, sostenibile, flessibile ed equo, in sede di verifica della capacità economica dei cittadini che chiedono prestazioni sociali agevolate, l’ISEE disegnato dal d.P.C.M. 5 dicembre 2013, n. 159, nei primi mesi di vita, ha già incontrato...



ISEE E REVERSIBILITA’: SI DEVE DIRE ADDIO ALLA PENSIONE?

In pratica, il diritto a qualsiasi trattamento di assistenza verrà deciso in base ad un ISEE unico. Questo potrebbe portare con sé il rischio che vengano tagliate la maggior parte delle prestazioni, dal momento che le soglie di reddito per accedere ai diversi trattamenti solitamente risultano molto basse.

Il rischio è quindi quello che un numero consistente di vedove e vedovi possano perdere la pensione di reversibilità per aver superato una soglia ISEE alquanto bassa.

ISEE: COME FUNZIONA?

Si ricorda ai lettori che l’ISEE rappresenta l’indicatore della situazione economica del nucleo familiare, misurando appunto la ricchezza di una famiglia.

Viene rilevato mediante una dichiarazione, la Dsu – Dichiarazione Sostitutiva Unica, che deve essere presentata ogni anno. Si tratta di un documento indispensabile ai fini dell’ottenimento di qualsiasi prestazione assistenziale, perché per ciascun trattamento non si deve superare un determinato limite di reddito.

ISEE E PENSIONE DI REVERSIBILITÀ: QUALI ASSEGNI VERRANNO TAGLIATI?

Il nodo della questione è che sono piuttosto numerosi gli elementi che concorrono al superamento della soglia ISEE. Non si tratta, infatti, soltanto dei redditi da lavoro o da pensione, ma anche di case e terreni posseduti, conti correnti, carte prepagate, libretti e, in generale, risparmi, oltre ai redditi esenti da imposte.

Attenzione perché tutto contribuisce ad aumentare il patrimonio ISEE: il fatto che la seconda casa posseduta non sia affittata non ha alcuna rilevanza, così come non ce l’ha la circostanza che vede i terreni improduttivi, o i risparmi in banca ottenuti con lungo lavoro e sacrificio.

In aggiunta ai redditi e al patrimonio proprio, entrano nella soglia ISEE anche quelli posseduti da tutti i componenti del nucleo familiare come, ad esempio, lo stipendio del figlio che risulta ancora facente parte del nucleo.

Questo quadro, quindi, spiega in parte il motivo per cui il riordino delle prestazioni di assistenza, con l’inserimento nella categoria dei trattamenti assistenziali delle pensioni ai superstiti, sia di reversibilità che indirette, possa causare una sforbiciata non indifferente alla maggior parte degli assegni.

Sono molte, inoltre, le voci critiche circa l’immissione della pensione ai superstiti tra le prestazioni di assistenza, obiettando il fatto che si tratta di una pensione ottenuta dai contributi versati dal lavoratore o dal pensionato deceduto e non dai fondi pubblici.

ISEE: OLTRE ALLA PENSIONE A QUALI ALTRE PRESTAZIONI RISCHIAMO DI DIRE ADDIO?

Non è soltanto la pensione ai superstiti ad essere a rischio taglio ma anche altri trattamenti assistenziali con come, ad esempio, l’assegno sociale, che ad oggi è subordinato ad un limite reddituale e non alla soglia ISEE.

Sarebbero a rischio anche gli assegni al nucleo familiare, gli adeguamenti al minimo, le cosiddette quattordicesime così come tutti i trattamenti integrativi delle pensioni.


CONDIVIDI
Articolo precedenteProfessionisti e Lavoro: come migliorare il proprio business con il neuromarketing
Articolo successivoCanone Rai, disponibile online la domanda sostitutiva: COSA FARE

3 COMMENTI

  1. Ma le max pensioni caro PD non si toccano vero? Non serve pagare una consulenza ad uno scienziato della Bocconi per capire cosa fare in italia. Basterebbe livellare le pensioni!! Con tre tetti massimi, di 5000 euro una intermedia, di 2500, dando la differenza alle minime con un tetto di decenza a 1300 euro!E l’imu sulla prima casa? chi puo’ deve pagarla!
    Soldi nè resterebbero a vagoni! Siamo governati da questa classe radical chic, che si fregia di aiutare il popolo con 80 euro che poi rivuole, mentre mentre non fà che aiutare solo le loro lobby..
    Votare ancora questo governo? Ma decidete voi..
    Io penso che questa volta la gente scende veramente in campo!

  2. CONTINUARE CON LE INGIUSTIZIE SIGNIFICA: METTERE IN DISCUSSIONE I POCHI QUATTRINI DELLE PENSIONI DI REVERSIBILITA’. MENTRE RESTANO CONFERMATI I BONUS MILIONARI. ED ANCORA DEBBO VOTARE PER QUESTA SINISTRA?

  3. avendo pagato la prosecuzione volontaria e prendendo 125,00€al mese rischio la pensione di reversibilità ?
    Posso rinunciare alla volontaria?

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here