Martedì 5 aprile, dalle 11.15 alle 13.00, si terrà presso il Dipartimento di Psicologia dell’Università Cattolica del Sacro Cuore a Milano, un evento dedicato al futuro della pubblicità digitale, un tema di grande interesse che sta rivoluzionando il mondo del marketing e della comunicazione, e non solo. L’incontro prende il titolo dal libro Digital advertising 3.0, che verrà presentato durante la conferenza.

PER APPROFONDIRE SI CONSIGLIA IL SUDDETTO VOLUME:

Digital advertising 3.0

Digital advertising 3.0

Paolo Mardegan, Giuseppe Riva, Sofia Scatena, 2016, Maggioli Editore

Le tecnologie digitali aprono inconsueti e innovativi scenari al mondo della comunicazione e della pubblicità. Permettono, in particolare, di entrare in relazione con gli utenti per comprenderne i bisogni, coinvolgerli e seguirne il percorso di fruizione del servizio/prodotto sino alla...



Dalla prefazione

I fenomeni oggi nel campo della comunicazione digitale sono decisamente rivoluzionari e sono convinto costituiscano stimoli preziosi per far crescere ulteriormente un mercato che in Italia vale già 2,15 miliardi di euro.

Ogni rivoluzione industriale ha sempre spinto il mondo a evolversi e a migliorare processi e standard di vita, ma quello che stiamo vivendo in questi anni nel campo del digital advertising è un cambiamento che non riguarda solo budget, fatturati e tecnologie ma anche, e soprattutto, il modo in cui le marche digitadialogano con le persone.

Immaginare nuovi scenari di comunicazione e pubblicità in un momento dove le tecnologie, le interfacce, i media e il modo in cui li usiamo cambiano alla velocità della luce è una sfida che abbraccio con entusiasmo perché offre all’Italia la possibilità di emergere sfruttando uno dei suoi valori distintivi più forti e caratteristici: la creatività.

Entro pochi anni oltre tre miliardi di oggetti saranno connessi in Rete. Avremo quindi moltissime occasioni di contatto e nasceranno nuovi modi di esprimersi. Siamo immersi in una nuova quotidianità digitale, in cui Internet e la tecnologia hanno trasformato abitudini e stili di vita: dalle nostre relazioni sociali alla professione; dal tempo libero, ai consumi. In questo scenario, che vede consumatori sempre più esigenti – abituati alla velocità d’azione e ad essere protagonisti della comunicazione – e aziende che utilizzano gli strumenti digitali con sempre maggiore consapevolezza, l’advertising non è più un mondo a sé ma è incluso in ogni attività. Siamo nell’era dell’Advertising of Things, in cui consumatori e brand interagiscono in un ecosistema di touch point interconessi.

Le nuove forme di adv che stanno nascendo – ben descritte in questo volume – diventano quindi l’occasione per scovare, far emergere e valorizzare talenti e diversità, al fine di contribuire a creare una ricchezza di forme e contenuti comunicativi in grado di esprimersi in maniera engaging attraverso il digitale, perché sono fermamente convinto che senza creatività la tecnologia sia fine a se stessa.

Il binomio “art and science” è centrale in questa nuova fase che stiamo affrontando. E diciamo sì ai Big Data purché generino “small clusters” e quindi “insight” precisi e fondamentali per sviluppare messaggi sempre più rilevanti e puntuali per le persone a cui ci rivolgiamo.

Carlo Noseda

Presidente IAB Italia

CLICCA QUI PER MAGGIORI INFORMAZIONI SULLA CONFERENZA DI PRESENTAZIONE DEL LIBRO “Digital advertising 3.0″: BIGLIETTI E PROGRAMMA

© RIPRODUZIONE RISERVATA


SCRIVI UN COMMENTO

Scrivi il tuo commento!
Inserisci il tuo nome