Chi ha diritto ad accedere alla pensione di vecchiaia? Ma soprattutto a quali condizioni? E con quali requisiti?

PER SAPERE TUTTO SU REQUISITI, CONDIZIONI E MODALITA’ DI CALCOLO PER LA PENSIONE DI VECCHIAIA SI CONSIGLIA IL NISTRO SPECIALE SU PENSIONI 2016

PENSIONE DI VECCHIAIA: QUALI REQUISITI PER RAGGIUNGERLA?

PER APPROFONDIRE TI CONSIGLIAMO LA NOSTRA GUIDA SU PENSIONE DI VECCHIAIA: COME ACCEDERVI?

Ai fini del raggiungimento della pensione di vecchiaia, secondo quanto disposto dalla legge Fornero, non è sufficiente il requisito anagrafico, anche molto severo (nel 2016, 66 anni e 7 mesi per gli uomini e le lavoratrici pubbliche, 66 anni e 1 mese per le autonome, 65 anni e 7 mesi per le lavoratrici donne dipendenti), essendo anche richiesto il possesso di almeno 20 anni di contributi, in aggiunta al raggiungimento di un trattamento pari almeno ad 1,5 volte l’assegno sociale.

PENSIONE DI VECCHIAIA: REQUISITI PIU’ LEGGERI, PER CHI?

Di seguito, si riportano le possibilità che permettono di alleggerire i requisiti richiesti per raggiungere il trattamento di vecchiaia.

1) DEROGA AMATO

In base alla legge Amato (D.lgs. 503/1992), ancora valida, e così come convalidato da una circolare INPS (n. 16/2013), possono raggiungere la pensione di vecchiaia con 15 anni di contributi chi possiede i seguenti requisiti:

– possesso di 15 anni di contributi collocati prima del 31 dicembre 1992;

– alternativamente, possesso di 15 anni di contribuzione, in qualsiasi data collocati, congiuntamente al possesso di 25 anni di anzianità contributiva (ciò comporta che il primo contributo debba risalire ad almeno 25 anni precedenti la data della pensione), e di 10 anni lavorati discontinuamente;

– alternativamente, autorizzazione ai contributi volontari richiesta precedentemente al 31 dicembre 1992.

L’età che risulta utile al pensionamento è quella vigente per l’ordinaria pensione di vecchiaia e cioè, rispettivamente:

– 66 anni e 7 mesi per gli uomini e le lavoratrici pubbliche;

– 66 anni e 1 mese per le lavoratrici autonome;

– 65 anni e 7 mesi per le lavoratrici dipendenti del settore privato.

2) OPZIONE CONTRIBUTIVA DINI

I soggetti che possiedono almeno 15 anni di contributi, ma non hanno nessuno dei requisiti della Deroga Amato, hanno comunque la possibilità di raggiungere la pensione di vecchiaia scegliendo il calcolo contributivo dell’assegno, opzione ancora valida grazie all’Opzione Contributiva Dini (L. 335/1995).

Per potersi avvalere di questa Opzione contributiva, tuttavia, sono necessari i seguenti requisiti:

– possesso di almeno 15 anni di contributi;

– possesso dell’età minima per la pensione di vecchiaia;

– meno di 18 anni di contributi collocati precedentemente al 31 dicembre 1995;

– almeno 5 anni versati in seguito al 31 dicembre 1995.

L’Opzione contributiva può venire esercitata direttamente al momento del pensionamento, perché, una volta manifestata, non può più essere revocata.

3) COMPUTO NELLA GESTIONE SEPARATA

I soggetti che possiedono i medesimi requisiti dell’Opzione Contributiva Dini, nel caso siano iscritto alla Gestione Separata, hanno la possibilità di optare per il computo in questa stessa gestione, sommando, quindi, senza costi, tutti i contributi posseduti nelle altre casse a quelli versati nella Gestione Separata, al fine, in questo modo, di ottenere la pensione di vecchiaia.

Il cumulo può rivelarsi comunque conveniente per chi possiede contributi “spezzati” in casse diverse, al fine di ottenere un’unica pensione, con requisiti alleggeriti, pur a fronte del calcolo dell’assegno con il metodo contributivo.

4) VECCHIAIA CONTRIBUTIVE

Chi è iscritto alla Gestione Separata, oltre a chi non possiede contributi collocati precedentemente al 1996, può accedere al trattamento di vecchiaia con requisiti più leggeri grazie alla cosiddetta pensione di vecchiaia contributiva. In questo caso, infatti, i requisiti per il rispettivo raggiungimento sono:

– almeno 70 anni e 7 mesi di età;

– un minimo di 5 anni di contributi.

Attenzione, però, in quanto il trattamento viene interamente calcolato con il sistema contributivo.

5) PENSIONE DI VECCHIAIA ANTICIPATA

La restante modalità per raggiungere la pensione di vecchiaia a condizioni più ‘leggere’ viene data ai lavoratori che hanno un’invalidità superiore all’80%. Qui, il requisito non è, però, quello contributivo, ma quello anagrafico.

Hanno, infatti, la possibilità di ottenere la pensione di vecchiaia anticipata rispettivamente:

– gli uomini, con invalidità superiore all’80%, al raggiungimento di 60 anni e 7 mesi di età;

– le donne, con invalidità superiore all’80%, al raggiungimento di 55 anni e 7 mesi di età.

I requisiti, con riferimento ai non vedenti, sono rispettivamente di 55 anni e 7 mesi e 50 anni e 7 mesi.

La pensione di vecchiaia anticipata non può, invece, essere fruita dai dipendenti pubblici.


63 COMMENTI

  1. scrivo per conto di mia moglie: totali versamenti anni 9 di cui anni 4 da impiegata ed anni 5 versamenti volontari, anni 67; chiedo: a) può avere un minima di pensione in base ai versamenti effettuati? b) oppure avere indietro la somma dei versamenti volontari versati? grazie

  2. BUONASERA,
    SONO NATA NELL’ APRILE DEL 60,TRA QUALCHE MESE COMPIRO’ 58 ANNI.
    HO CIRCA DODICI ANNI DI CONTRIBUTI AVENDO LAVORATO IN UNA AZIENDA PRIVATA.
    POTRO’ AVERE UNA PENSIONE?
    VIVO CON MIO MARITO ATTUALMENTE DIPENDENTE SETTORE PUBBLICO.
    GRAZIE

  3. Salve…io ho 8 anni di contributi consecutivi presso un’azienda che mi ha assunto con contratto speciale in quanto invalido civile…nel mese di aprile scorso, conseguente a una domanda di aggravamento, mi hanno aumentato l’ invalidita’ al 75%…dopo una polmonite non si puo stabilire se dovuta al lavoro o al mio stato di salute, vorrei richiedere il pensionamento anticipato…premettendo che ho 51 anni d’ eta’, posso richiederlo? Ne ho i requisiti? Grazie

  4. Salve. Ho 69 anni e non ho una penzione . I m iei contributti sono inferirori a 7 anni. Posso avere qualche compenso

  5. Sono nata il 20\07\52 posso accedere nel 2018 alla pensione oppure rientro nella nuova riforma nel 2019

  6. ho 62 anni e 11 anni di contributi ho smesso di lavorare nel 1982 posso avere la pensione .

  7. BUONGIORNO SONO NATA NEL 1960 E HO 13.5 DI CONTRIBUTI POSSO PERCEPIRE LA PENSIONE DI VECCHIAIA E A CHE ETA. SONO A CARICO DI MIO MARITO

  8. Buongiorno,sono nato nel 1955, ho 2 anni di versamento come marittimo , attualmente sono iscritto alla cassa avvocati dal 1986. Cosa avrei di pensione dall’una e dall’altra cassa e quando , premesso che per la ricongiunzione dei due anni, la cassa avvocati mi ha richiesto 10.600 euro circa , che non mi va di pagare perchè mi sembra spropositato rispetto al beneficio (900 euro annui all’età pensionabile di 70 anni..) . Grazie.

  9. Sono un pensionato enasarco.Per 18 anni ho raggiunto sempre il massimale, poi per motivi di salute sono rimasto fuori per circa 8 anni dovendo poi all’età di 67 anni riprendere a lavorare sempre come (agente di commercio) e con la stessa azienda. Adesso mi ritrovo ad avere 70 anni ed una pensione di 194euro bimestrali in quanto sono stati conteggiati solo la media degli ultimi anni(enasarco). Con l’INPS per un ricorso di tasse inviatemi per errore ,ho avuto la cancellazione di 22 anni di contributi versati.Ora mi ritrovo con: 13anni di contributi INPS, 16 mesi di leva militare e 4anni di INAIL e per avere la pensione minima mi chiedono 22.000 euro.Cosa devo fare?

  10. Buon giorno
    sono nato il 30/03/1946 ho 71 anni compiuti e 19 anni di contributi versati , lavoro come vigilante , con questi requisiti posso andare in pensione? , e se posso , con quale importo?. Non riesco ad accumulare i 20 anni di contributi perché mi hanno dimezzato le ore lavorative mensili ad appena 80 ore , mi hanno abbassato anche la paga oraria ad appena 5 euro a ora tutto compreso paga globale e sono arrivato al punto che vado a lavorare per rimetterci anche il costo del carburante visto che lavoro con la mia auto a mie spese avendo il posto di lavoro il più vicino a 80 km che poi diventano 160 andata e ritorno da casa mia .Lavoro sempre e solo di notte , e ogni volta che vado a controllare la mia posizione contributiva , vedo la data della pensione sempre più lontana per il raggiungimento dei 20 anni di contributi versati per poter accedere alla mia benedetta pensione .

  11. Sono nato il 18.10.1947 l’INPS mi ha riconosciuto 12 anni di contributi versati alla cassa di previdenza marinara nel 1986 subii un incidente stradale mentre mi recavo ad effettuare una visita medica d’imbarco dopo 20 anni l’INPS mi ha riconosciuto una pensioncina d’invalidità alla navigazione.nel frattempo sono stato assunto dal comune di Brindisi in data 01.01.2000 fino al 01.02.2014, 14 anni di contributi perciò in totale 12 più 14 = 26 anni di contributi versati tra l’INPS e la cassa di previdenza marinara sindacati si sono messi d’impegno per ricongiungere i contributi purtroppo a tutt’ora l’INPS si rifiuta di ricongiungerli,riconoscendomi solo la pensione d’invalidità marittima e l’assegno sociale una vera miseria in confronto al reddito annuo che percepivo prima di essere collocato in pensione per raggiunti limiti di età.Adesso mi dicono che a 70 anni di età li ricongiungeranno se il calcolo supererà l’assegno sociale , BHO !!!

  12. Buongiorno faccio una domanda io ho 66 anni ho contributi di diversi lavori sia come collaboratrice domestica sia come contadina sia come dipendente comunale e anche di una ditta per pulizie in totale dovrebbero essere tra gli 11 e i 12 anni .Vorrei sapere se posso avere almeno la pensione delle casalinghe?Se è possibile avere qualche informazione per potere chiedere al mio patronato di fare la domanda.Grazie Cordiali saluti

  13. Ho 69 anni e 7 anni di contriburi versati prima del 1990.Sono separato e di comune accordo ho avuto come mantenimento l’uso dell’appartamento. Non ho altri redditi,posso avere una qualche pensione? Grazie

  14. Sono impiegata statale. Ho 57 anni e 30 anni di contributi versati. Posso versare volontariamente 5 anni di contributi cosi da poter accedere alla pensione tramite l’opzione donna? In caso affermativo, in percentuale, di quanto verrà decurtato la mia pensione?

  15. Buongiorno . Ho 64 anni iniziato versato contributi dal 2003 al marzo 2017 dipendente privato e per vari periodi come Co. Co. Co.- inoltre ho diritto alla pensione cassa geometri a 67 anni . Non trovo lavoro e di conseguenza non veryso contributi. Quando e come potrò accedere alla pensione ? Grazie

  16. ho 5 anni di contributi e 260 settimane di contributi posso avere la pensione di casalinga a 77 anni e mesi oggi la mia età e di 69 anni i contributi sono degli anni 70 purtroppo non ho potuto continuare per assistere mio figlio disabile al 100 x 100 e se ci sono requisiti sia per cumulo col marito o inabilità o altro grazie per l’attenzione aspetto chiarimento .

  17. Ho versato fino al 1994 più di 8 anni di contributi per circa 1700.000€ possibile che non ho diritto alla pensione?

  18. Salve scrivo per conto di mia sorella..Lei ha lavorato como infermiera professionale in una clinica privata..dal 2004 per otto anni ,adesso ha 61anni (novembre 2017 farà 62 ) potrà avere la pensione quando arriverà a 65 anni?? È cittadina Peruviana.
    Aspetto vostra risposta .grazie

  19. NATA NEL MAGGIO 1954 HO LAVORATO NEL SETTORE PRIVATO CON CONTRATTO INDUSTRIA DAL 1972 AL 1985 POTrò AVERE LA PENSIONE DI VECCHIAIA DOPO I 70 ANNI

  20. buona sera mi chiamo angelo e ho 55 anni , e da 4 sono invalido civile al 100% . ho maturato 30 anni di contributi versati all’inps , quando potrò andare in pensione ? Avevo sentito di una legge fatta nel 2016 per poter andare in pensione anticipatamente a 55 anni di età . grazie

  21. Salve, ho 55 anni, ho alcuni versamenti inps dal 1979 al 1983 come dipendente, altri in enpals per alcune prestazioni come musicista dal 2000 al 2015 ed alcune prestazioni con vaucher dal 2015 ad oggi, non molti.
    Posso un domani pensare almeno ad una piccola pensione o eventualmente c’è una scappatoia su qualche sistema di iscrizione per arrivare ad una pensione da sopravvivenza.
    Ringrazio anticipatamente per la disponibilità e saluto
    Luca

  22. ho settantuno anni e circa 8 anni di contributi effettivi dal 1993 al 2001 voglio sapere se ho diritto alla pensione Saluti

  23. SALVE HO 24 ANNI DI CONTRIBUTI LAVORO NEL COMMERCIO E HO 60 ANNI QUALE E’ LA MIA POSSIBILITA PER POTER ANDARE IN PENSIONE . GRAZIE MARINA

  24. ho 65 anni ho lavorato solo 4 anni dal 1984 al 1987 vorrei sapere che tipo di pensione posso chiedere e se è vero che versando volontariamente alcuni anni posso avere diritto ad una pensione grazie

  25. scrivo per conto di mia cognata nata nel 46 con 8 anni di contributi al termine del 72 e mai piu’ lavorato vorrei chiedere se puo’ richiedere la pensione contributiva con i 5 anni a maggio compie 71 anni e se e’ no puo’ chiedere la sociale? grazie

  26. Buongiorno, sono a carico di mio marito, ho 13 anni e mezzo di contributi, sono nata il 20 novembre del 1947, vorrei sapere per favore se potrei avere la pensione di vecchiaia. Avevo fatto domanda attraverso un Caf, di pagarmi l’anno e mezzo che mi mancava per raggiungere i 15 anni che mi avrebbero dato diritto alla minima, ma mi avevano chiesto euro 30.000,00- faccio presente che nel 1972, avevo iniziato a pagare x qualche anno, la volontaria, ma poi ho smesso. Vi sarei grata se mi rispondete. Grazie

  27. Sono un ex impiegato di concetto dell’ex Provveditorato agli Studi. Nel 2012 con 36 anni di servizio e 62 anni di età sono andato in pensione. Nell’anno scolastico 2013/14 e 2014/15 vengo individuato per un incarico annuale su sostegno nella scuola secondaria di 1°grado l’incarico prosegue anche per il 2015/16 durante il quale sono stato immesso in ruolo così anche per l’anno in corso per un totale di quattro anni di servizio come docente. Sono nato il 27 luglio 1950 e quindi in base alle vigenti normative per me dovrebbe essere l’ultimo anno di servizio. Ho fatto richiesta di proroga in servizio fino al 70°anno di età perchè mi hanno parlato di una nuova pensione che scatterebbe al 5° anno di contribuzione. La mia mail è: gtessitore50@gmail.com gradirei qualche informazione in più. Cordiali saluti

  28. Ho lavorato dal 1988 al 1996 in Italia e nel 1997 mi sono trasferito per sempre nella Repubblica Ceca.
    Chiedo se avrò diritto anche ad una pensione italiana o se i contributi versati sono persi.
    Attendo una cortese risposta, grazie.

  29. Ho lavorato in Italia dal 1988 al 1996, poi mi sono trasferito per sempre nella Repubblica Ceca.
    Vi chiedo se avrò diritto anche ad una pensione italiana o se i contributi versati sono persi.
    Grazie della risposta.

  30. buongiorno sono nata nel 1959 a febbraio ho i contributi da dipendete dal 1985 al 2012 poi dal 2012 ho iniziato a pagare inps che ancora pago ed ho un negozio…… quando potrei andare in pensione? e i contributi da dipendente vengono addizionati agli altri?

  31. Buonasera , ho versato nel 1996 , sei mesi di contributi , nel 97 due mesi di contributi , poi ho interrotto il lavoro et ho cominciato dopo due anni nel 1999 un lavoro indeterminato fino al maggio di 2012 , per 13 anni (totale contributi 700 settimane) . Oggi ho 67 anni e 6 mesi . Quando posso andare in pensione di vecchiaia contributiva ? La ringrazio! sign. Kuko .

  32. Ho 60 anni posso sapere quando tempo mi manca per andare in pensioni di vecchiaia ho circa 12 anni di contributi

  33. sono Giannina ho compiuto 70 anni ad agosto 216 ho versato contributi per 11 anni
    ho diritto alla pensione di vecchiaia contributiva ? e se è si cosa fare ?
    grazie

  34. Mi chiamo, Maria,o 60anni,sono diventata citadina italiana.
    Vengo dalla Moldavia, o lavorato in Italia con 500setimane di contributi, 23ani di contributi ho versato in Moldavia
    potro prendere la pensioni minima di vecchia quando avro 67anni ?

  35. CIAO.SONO UNA RAGATA MOLDAVA E HO 61 ANNI.HO LAVORATO IN A NIA POEZIE 27ANNI.E IN ITALIA LAVORO DA 10 ANNI IN REGULA E PAGO CONTRIBUTI.QUANDO POSSO ANDARE IN PENSIONE.GRAZIE .CORDIALE SALUTI

  36. Sono un docente nato il 01/06/1951.
    Posso andare in pensione di vecchiaia a settembre 2017 con 66 e 7 mesi anche se manca 1 giorno?

  37. Buon giorno sono nata nel 1959 quindi ho 57 anni, ho lavorato per 8 anni e mezzo ho qualche diritto per questo periodo o aspetterò la pensione delle casalinghe? E per che età? Grazie

  38. Avendo 61 anni e circa 30 anni di contributi con nuova legge quando andrò in pensione?

  39. ho 8 anni di contribuzione ante 1995 eta’ 66 7 mesi ho diritto ad una pensione di vecchiaia. Grazie per la risposta va email.

  40. Buon giorno,
    Sono nata il 19.09.1954 in Olanda. Sono venuta in Italia a 20 anni, ho lavorato 5 anni presso una ditta e poi mi sono licenziata inquanto mi sono sposata e ho messo su famiglia. Da quel giorno non ho piu lavorato. Adesso a 62 anni mio marito e io non stiamo piu insieme. Non ho ancora ufficializata il fatto, dunque per legge siamo ancora sposati. Vorrei sapere se per avere un minimo di pensione se mi conviene separare?
    Grazie.

  41. Buon giorno.il mio nome e’ Carolina. Sono nata il 16.01.1946.ho lavorato 442 settimane ( dal 01.07.1960 al 31.10.1964 dal 01/11/1964 al 30/06/1969 e dal 01/08/1969 al 31/05/1970. Mi aspetta un assegno oppure, con un’ integrazione ai contributi esistenti, una pensione? E se si’, quanto dovrei corrispondere x raggiungere l erogazione di una pensione?
    Grazie
    Carolina

  42. in relazione alla nota di Salvatore Linguanti, occorre precisare che si, l’ingiustizia è stata compiuta, dalla legge Fornero, ma non a suo danno. Infatti anche precedentemente alla legge Fornero il sig. Linguanti non poteva accedere alla pensione non avendo maturato il minimo di contributi previsto per l’accesso alla pensione di Vecchiaia (20 anni di Contributi o 15 ante 92). la riforma Fornero è intervenuta unicamente a carico delle pensioni di Anzianità.

  43. SALVE, COMPIO 60 ANNI L´11 OTTOBRE. HO LAVORATO PER LA DURATA DI 17 ANNI ALL´ENIRISORSE, STABILIMENTO DI PORTOVESME, IN SARDEGNA, PIÚ UN ANNO DI MILITARE SOMMANO 18 ANNI DI CONTRIBUTI. POI MI SONO TRASFERITO IN BRASILE ED ATTUALMENTE LAVORO IN UNA IMPRESA PRIVATA, AVENDO SOMMATO ALTRI 15 ANNI E 2 MESI DI CONTRIBUTI.
    SAREI MOLTO GRATO SE MI SPIEGASTE COM´É L´ACCORDO ITALIA BRASILE IN QUESTI CASI. QUI STANNO FACENDO UNA RIFORMA DELLE PENSIONI ( ETÁ MINIMA 65 ANNI) , MA SOLO PER CHI HA MENO DI 50 ANNI, PER GLI ALTRI PERDURA LA LEGGE ANTERIORE, OSSIA SE HAI 35 ANNI DI LAVORO E ALMENO 55 ANNI PUOI PENSIONARTI..LA MIA DOMANDA: IO POSSO SOMMARE I CONTRIBUTI ITALIANI COI BRASILIANI? A SUO TEMPO RICEVERÓ PENSIONI SEPARATE? UNA DALL ´ITALIA E QUELLA BRASILIANA? QUI IN BRASILE MI DICONO CHE NON POSSO SOMMARE LA DURATA DEI 2 CONTRIBUTI, E ALLORA NON CAPISCO CHE ACCORDO É…. RINGRAZIO E SALUTO DAL BRASILE

  44. sono nata 28 12 1962 prima della fornero con 15 anni e a 55 anni potevo andare in pensione ho quasi 18 anni di contributi volevo sapere quando potro andare in pensione ho il 63% di invalidata’
    sono stata dal 1994 al 2000 indipendente poi per 10 mesi ho aperto altra attività indipendente poi ho lavorato per un azienda poco più di un mese e un albergo idem quando potro andare in pensione??
    Grazie

  45. sono nata 28.12.1962 con 17 anni di contribbuti con la legg prima della fornero mi sembra che potevo andar ein pensione con 15 anni a 55 anni e ora???Sono invalida al 63% .Mi sapete dire qualcosa anche in merito alla pensione di vecchiaia??Grazie

  46. Sono del 1956 ho una pensione di invalidità del 75% da 10 anni, mia madre deceduta anni dopo, percepiva la reversibilità di mio padre. Quando potrò andare in pensione? Posso percepire la reversibilità di mia madre? Grazie

  47. michiamo pietro navobi o 56 anni sono disocupato da 10 nni son riesco a trovaro un lavoro o circa 10 anni di cotributi vorei sapere di pils cuando prosto a dare in penzione se mirispodede grazie.3891409173.

  48. Ho 27 anni e 6mesi di contributi inps +26 anni e4 mesi di contributi impdap nato il 16 08 1950 quando andrò in pensione?

  49. Francesco: sono nato il 13/02/1953, ho iniziato a lavorare in interrottamente, e ancora sono in servizio nella pubblica amministrazione,
    domanda con le attuale legge quando potro’ andare in pensione?
    e con quale percentuale?

  50. sono nato nel 1961 ho cominciato a lavorare nel maggio 1976 e da allora ad oggi ho sempre lavorato, ho cominciato all!eta di 15 anni ho cambiato 4 ambienti di lavoro, ma sempre con passaggio diretto nel settore privato, quando ho cominciato a lavorare mi dissero che dopo 35 anni di lavoro dipendente avrei raggiunto la meritata pensione, attualmente sono 40 gli anni di lavoro alla fine di APRILE 2016, compreso UN ANNO di militare e tutti figurativi, credo di aver diritto al meritato riposo.Voglio andare in pensione, ho tutti i requisiti, gradirei un cenno di risposta grazie!

  51. SONO NATO IL 30 MAGGIO 1951. SONO STATO ASSUNTO ALLE DIPENDENZE DEL COMUNE DEL MIO PAESE NEL MESE DI MAGGIO 1979. AL 30 MAGGIO 2016 DOVREI AVER LAVORATO 37 ANNI. AI SENSI DELLA CIRCOLARE N. 63 DEL 20 MARZO 2015, AL 30 DICEMBRE 2017 DOVREI APOTER ANDARE IN PENSIONE.
    DOMANDA:
    COL SISTEMA DELLE QUOTE O CON LA “VECCHIA”LEGGE FORNERO POTREI ANDARE PRIMA IN PEENSIONE (
    ( di vecchiaia o anticipata, sia col sistema DINI o Amato ?).
    Gradirei un cortese cenno di risposta.
    Grazie. Michele

  52. MARIAGRAZIA ANCRI
    COMPIRO’ 65 ANNI AL 23/04/2016 POTRO’ ANDARE IN PENSIONE A NOVEMBRE?

  53. dal 01-08-1972 al 31-12-1995 ho lavorato come dipendente settore privato con 565 settimane di versamenti e nel 1996 solo 23 settimane di versamenti – la mia età è di anni 70 e nove mesi la pensione di vecchiaia l’INPS me la respinge sempre perché non ho i requisiti .
    La mia domanda è: 11 anni e 4 mesi non bastano per avere almeno n. 1 euro di pensione ? perché la Fornero ha commesso questa ingiustizia ?

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here