Breve test con il SAV di Monaco, in Alta Badia nella splendida cornice delle Dolomiti, su percorsi innevati in sola modalità elettrica…

 

 


 

 

 

Corvara – Dati per scontati il comfort e la sicurezza di guida offerta dal sistema xDrive, ampiamente testato nella nostra precedente prova su strada della X5 xDrive40e, il Parcour innevato del «BMW xDrive Experience» a Corvara è stato il terreno ideale per verificare la mobilità di questo SAV, primo modello della Casa di Monaco equipaggiato con il sistema ibrido plug-in (termico+elettrico) integrato nella parte anteriore della vettura.

 

Acusticamente interessante il passaggio in twist con le ruote alternativamente staccate dal terreno. Nel totale silenzio del propulsore termico, spento per la bassa velocità, è stato possibile sentire il lavoro della centralina che, a seconda dei punti di aderenza dei singoli pneumatici, ripartiva la coppia motrice prodotta dal motore elettrico, solo sfiorando l’acceleratore.

 

Infatti il motore termico si attiva automaticamente alla velocità di 70 km/h o premendo a fondo l’acceleratore (kick down).

 

Per il resto non c’è nessuna evidente differenza di motricità con le altre X5 xDrive con la tradizionale integrale permanente tradizionale, cioè senza il motore elettrico.

 

L’unica differenza, non di poco conto, riguarda invece il consumo di carburante che viene sensibilmente ridotto grazie alla presenza dell’unità elettrica.

Infatti, pur avendo un motore 4 cilindri a benzina da 2 litri TwinPower Turbo con cambio Steptronic a 8 rapporti e una potenza totale (termico+elettrico) di 313 cv, la stessa della 40d con il motore a gasolio a 6 cilindri da 3 litri, consuma meno della 25d a gasolio con il motore da 2 litri che eroga però «solo» 231 cv. Nello specifico, 3,3 contro 5,3 litri 100/km, con una velocità massima praticamente invariata (210/220 km/h), ma un migliore 0-100 km/h, 6,8 secondi per la ibrida plug-in, 7,7 s per il Diesel da 2 litri. Naturalmente sono dimezzate anche le emissioni di CO2, 77 g per la hybrid plug-in, 146 g per l’altra.

In modalità solo elettrica, la percorrenza è di circa 31 km e una velocità massima di 120 km/h, ma in questo caso l’autonomia disponibile scende sensibilmente.

 

È doveroso ricordare che il motore 2 litri a benzina della X5 xDrive40e sviluppa 245 cv e che il motore elettrico ne genera altri 113 cv (83 kW), ma essendo i motori accoppiati, cioè uniti prima della scatola del transfer, la potenza effettiva distribuita alle ruote non è la somma aritmetica dei 2 valori, che in questo caso si limita a 313 cv.

Il pacco batterie agli ioni di litio da 9 kWh è posizionato sotto il piano del vano bagagli nel quale è ricavato una vaschetta per riporre i cavi necessari per la ricarica. Ricarica che viene completata in 3 ore e 50 minuti da una comune presa a muro, oppure in 2 ore e 45 minuti con la speciale colonnina ad alto voltaggio BMW i Wallbox Pure.

 

Il ricco equipaggiamento di serie della X5 40e comprende il sistema di navigazione Professional che, impostato il viaggio previsto, valuta il percorso con i relativi tratti autostradali, di montagna, centri abitati e situazione del traffico, per poi gestire automaticamente l’utilizzo dei motori e ottimizzarne l’uso in modo da contenere il consumo. Inoltre si ha la possibilità di attivare il riscaldamento / raffreddamento dell’abitacolo anche a vettura ferma attraverso il pack batterie (se cariche) o attraverso il sistema di ricarica se inserito.

Interagendo con il Dynamic Damper Control che regola la durezza delle sospensioni e l’assetto adattivo Comfort con sospensioni pneumatiche sull’asse posteriore, il guidatore può scegliere fra 3 modalità di guida: Comfort, Sport e Eco Pro, in modo da avere un assetto e una risposta del motore e del cambio più consono al proprio stile di guida.

Inoltre il guidatore può visualizzare sullo schermo al centro della plancia la «situazione energetica» del sistema e impostare la modalità più appropriata tra Auto eDrive, che abbina i 2 motori per le massime prestazioni, Max eDrive, per un utilizzo esclusivamente elettrico, Save Battery, dove vengono utilizzati ambedue i motori, ma con lo scopo di mantenere in piena carica la batteria, anche per mezzo del recupero di energia, in previsione di un prossimo utilizzo in centro abitato in modalità solo elettrica.

Come gli altri modelli BMW della Serie X (X6, X3 e X4), anche la X5 xDrive40e viene prodotta negli Stati Uniti nello stabilimento di Spartanburg e in Italia viene venduta nei livelli di finitura Business, Experience e Luxury, con prezzi a partire da 72.595 euro.

[ Paolo Pauletta  per motori360.it]


CONDIVIDI
Articolo precedenteApnee notturne e patente di guida: le nuove regole
Articolo successivoAgevolazioni fiscali, Locazione: chi paga meno tasse sull’affitto?

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here