E’ in atto, in questi giorni in Senato la discussione del tanto contestato e atteso disegno di legge in materia di unioni civili.

TUTTE LE NOVITA’ DELLA NUOVA LEGGE LE TROVI NEL SEGUENTE VOLUME

Unioni civili e convivenze

Unioni civili e convivenze

Cianciolo Valeria, 2016, Maggioli Editore

Il testo commenta la legge n. 76/2016 conosciuta come “legge Cirinnà”. Le nuove regole su unioni civili e convivenze di fatto si applicheranno a partire dal 5 giugno 2016. Le persone dello stesso sesso attraverso una dichiarazione di fronte all’ufficiale di...



PER APPROFONDIRE TI CONSIGLIAMO LA NOSTRA INTERVISTA ALLA SENATRICE CIRINNA’, FIRMATARIA DEL DDL SULLE UNIONI CIVILI

Ieri, mercoledì 10 febbraio, la richiesta di voto segreto sulla proposta di non passaggio all’esame degli articoli è stata respinta: la stessa proposta è stata poi bocciata con 195 voti contrai, 101 favorevoli ed un solo astenuto.
Oggi, giovedì 11, seguirà invece l’illustrazione degli emendamenti; mantra sarà solo martedì prossimo, 16 febbraio, che prenderanno concretamente avvio le votazioni, proseguendo sia mercoledì 17 che giovedì 18.

PER MAGGIORI APPROFONDIMENTI CONSULTA LO SPECIALE SU UNIONI CIVILI

UNIONI CIVILI: CHE COSA PREVEDE CONCRETAMENTE IL DISEGNO DI LEGGE

A. UNIONI CIVILI: COSA SONO?

Il Capo I, quindi comprensivo degli articoli dall’1 al 10, del disegno di legge in questione (ddl Cirinnà) prevede:

A.1) l’introduzione dell’istituto dell’unione civile tra persone dello stesso sesso quale specifica formazione sociale;

A.2) la regolamentazione delle modalità per la costituzione delle unioni civili, delineandone parallelamente le cause di impedimento;

A.3) la definizione dei diritti e dei doveri che derivano da tale unione;

A.4) l’estensione alle parti delle disposizioni in materia di diritti successori dei coniugi;

A.5) la concessione alla parte dell’unione civile di poter ricorrere all’adozione non legittimante nei confronti del figlio naturale dell’altra parte;

A.6) la regolamentazione dello scioglimento di detta unione.

B. CONVIVENZA DI FATTO: IN COSA CONSISTE?

Il Capo II, invece, comprensivo degli articoli dall’11 al 23, provvede a:

B.1) definire la convivenza di fatto;

B.2) stabilire i doveri di reciproca assistenza, nonché i diritti di permanenza nella casa comune di residenza e l’obbligo di mantenimento in caso di cessazione;

B.3) parificare i diritti del convivente superstite a quelli del coniuge superstite;

B.4) esporre le cause di nullità del contratto di convivenza.

SCARICA IL TESTO DEL DDL CIRINNA’ BIS


CONDIVIDI
Articolo precedenteMOTODAYS: I GIORNI DELLA MOTO, DI IERI E DI OGGI
Articolo successivoDOPO L’INCIDENTE: VALIDE LE DICHIARAZIONI RESE DALL’INDAGATO NEGLI UFFICI DI POLIZIA A DISTANZA DI TEMPO, SENZA LA PRESENZA DELL’AVVOCATO

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here