Da una ricerca medica si è scoperto che il 4-5% della popolazione italiana soffre di Osas, in pratica è un’alterazione o una sospensione del respiro nel corso della notte, che fatalmente causa conseguenze durante il giorno sotto forma di improvvisa sonnolenza.

Questo ha indotto l’Unione europea la quale ha preteso che, sia in fase di rilascio sia di rinnovo della patente di guida, i medici competenti verificassero che gli autisti non siano affetti da tale patologia.

Nel mese di dicembre il MIT (Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti), ha pubblicato il presente:


DECRETO 22 dicembre 2015
Recepimento della  direttiva  della  Commissione  2014/85/UE  recante modifica della direttiva 2006/126/CE del  Parlamento  europeo  e  del Consiglio concernente la patente di guida. (16A00299)
(GU n. 9 del 13 gennaio 2016)

IL MINISTRO DELLE INFRASTRUTTURE  E DEI TRASPORTI 

Visto il decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285,  e  successive modificazioni, recante «Nuovo codice della strada», ed in particolare l’articolo 119, concernente i requisiti  fisici  e  psichici  per  il conseguimento e la conferma di  validità  della  patente  di  guida, nonché l’articolo  121  concernente  l’esame  di  idoneità  per  il conseguimento della patente di guida; 
Vista  la  direttiva  2006/126/CE  del  Parlamento  europeo  e  del Consiglio del 20 dicembre 2006, concernente la patente di  guida,  ed in  particolare  l’allegato  II  «Requisiti  minimi  per  l’esame  di idoneità alla guida» e  l’allegato  III  «Norme  minime  concernenti l’idoneità fisica e mentale per la guida di un veicolo a motore»; 
 Visto il decreto legislativo 18 aprile 2011, n.  59,  e  successive modificazioni, di recepimento  della  direttiva  2006/126/CE,  ed  in particolare  l’articolo  24  che  prevede   che:   «salvo   che   sia diversamente  disposto  da  leggi  comunitarie,  le   direttive   che modificano gli allegati al presente decreto, necessarie per  adeguare il contenuto degli stessi al progresso scientifico  e  tecnico,  sono recepite  con  decreti  del  Ministro  delle  infrastrutture  e   dei trasporti, sentiti i Ministri eventualmente interessati»; 
 Vista la successiva direttiva 2014/85/UE della Commissione  del  1° luglio 2014, recante modifiche agli allegati II e  III  della  citata direttiva 2006/126/CE… (asaps)

>LEGGI IL TESTO DEL DECRETO


CONDIVIDI
Articolo precedenteDichiarazione IRAP 2016: quali sono le nuove agevolazioni?
Articolo successivoDichiarazione dei Redditi 2016: i nuovi modelli. Come e quando presentarli?

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here