Nel sito www.fai-sicilia.it è stato pubblicato questo interessante articolo sull’evoluzione i trasporti in ATP. Soltanto un anno fa è diventato applicabile il regolamento 517/2014 sui gas fluorurati ad effetto serra che, mandando in pensione il precedente regolamento n. 842/2006, estende il suo ambito di applicazione anche a quelle attrezzature che funzionano tramite l’utilizzo di quantità considerevoli di tali gas. Tra questi rientrano sia gli autocarri frigorifero, sia i rimorchi frigorifero, equipaggiato cioè di cella frigorifero.

Cosa comporta l’applicazione del nuovo regolamento anche ai veicoli frigo? Essenzialmente comporta due obblighi distinti. Il primo è quello di recuperare gli F-gas (manutenzione e radiazione del veicolo), il secondo è relativo all’obbligo di certificazione annuale del controllo.

Esiste poi un terzo obbligo, riferito all’adozione di un sistema di controllo delle perdite di F-gas degli impianti di raffreddamento, ma rapportato al quantitativo di gas serra presente nei sistemi frigorifero dei veicoli pesanti. In pratica se il veicolo ha un valore di F-gas pari o superiore a 5 ton di CO2 equivalente, è sottoposto all’obbligo di verificare le perdite, in caso contrario ne è esentato.

L’art.8 stabilisce che “gli operatori di apparecchiature fisse o di unità di refrigerazione di autocarri e rimorchi frigorifero contenenti gas fluorurati a effetto serra non contenuti in schiume, assicurano che il recupero di tali gas sia svolto da persone fisiche che detengono i pertinenti certificati, in modo che i suddetti gas siano riciclati, rigenerati o distrutti”.

Tale obbligo si applica, tra gli altri, agli operatori:
– di circuiti di raffreddamento di apparecchiature fisse di refrigerazione, di condizionamento d’aria fisso e di pompe di calore fisse;
– di circuiti di raffreddamento di unità di refrigerazione di autocarri e rimorchi frigoriferi.

Prima di smaltire i contenitori di gas fluorurati, l’impresa che li utilizza è tenuta a recuperare tali gas per garantirne il riciclaggio, la rigenerazione o la distruzione, attraverso personale qualificato, mentre se i gas non rientrano nell’ambito applicativo della direttiva 2006/40, ci si può limitare al semplice recupero. Se invece i gas utilizzati sono di tipo F-gas, il recupero va effettuato da personale munito di un attestato di formazione.

Fin qui il sistema già entrato in vigore. Ma il rinnovamento normativo in materia non si è esaurito. Il ministero dell’Ambiente sta predisponendo anche un nuovo DPR sostitutivo del DPR 43/2012, che dovrebbe vedere la luce nelle prossime settimane, ma soprattutto andrà anche a introdurre il sistema sanzionatorio previsto nel regolamento 571/2014, andando a cambiare i relativi articoli del D.L.vo 26/2013. A questo scopo, però, ogni Stato membro e quindi anche l’Italia ha tempo fino al 1° gennaio 2017 per comunicare alla Commissione UE il proprio sistema di certificazione/attestazione e quello sanzionatorio.


CONDIVIDI
Articolo precedenteRiforma Costituzione: cosa cambia con il nuovo Senato? Le critiche alla riforma
Articolo successivoJaguar XF, la trazione integrale debutta sul 2.0 turbodiesel

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here