Il decreto attuativo 15 giugno 2015, n. 81 (entrato in vigore il 25 giugno 2015) ha riconosciuto ai soggetti interessati della Legge-quadro 104/1992 sull’assistenza, l’integrazione sociale e i diritti delle persone affette da handicap, il diritto di preferenza nella trasformazione del contratto di lavoro da tempo pieno a parziale.

La ratio della norma risiede nel favorire l’ integrazione nelle collettività ai soggetti con gravi patologie prevedendo a loro vantaggio agevolazioni fiscali, sanitario, lavorativo e sociale.

Ai sensi dell’ art. 8 della Legge-quadro i soggetti interessati sono:


– i lavoratori pubblici o privati affette da patologie gravi e invalidanti per i quali residui una ridotta capacità lavorativa accertata da una commissione medica dell’ASL territorialmente competente.

– i lavoratori che assistono una persona convivente con totale e permanente inabilità lavorativa con connotazione di gravità (ex art. 3, comma 3 legge 104/92) che necessita di assistenza continua poiché non in grado di compiere gli atti quotidiani della vita.

– i lavoratori se la patologia oncologica o grave(cronico-degenerative ingravescenti) riguardano il coniuge, figli o i suoi genitori, dei parenti e affini entro il 3 grado.

La domanda va avanzata al Responsabile dell’ Amministrazione di appartenenza per il settore pubblico.

Diversamente, nel settore privato per cui occorre riprodurre un verbale in cui risulta la disabilità compilato dall’ INPS su domanda dell’ interessato e previa visita medica di verifica.


CONDIVIDI
Articolo precedenteDivieto di Fumo in Auto e Nuove regole per chi vende Tabacco
Articolo successivoSocial Card e Family Card per il 2016: chi può richiederle e come utilizzarle?

1 COOMENTO

  1. Ma chi controlla che l’esercizio del diritto avviene nel pieno rispetto della normativa? Quando poi scopriamo falsi invalidi e conseguentemente false attestazioni di assistenza il danno è fatto. Media e televisione annunciano scoperte di casi eclatanti, ma non viene data mai notizia sul recupero di somme o sugli esiti penali. La legge riscuoterà credibilità quando il cittadino sarà informato con la notizia del risultato di tanto clamore.

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here