Sulla scia della COP21 e dopo la recente crisi dell’industria automobilistica, Renault intende accelerare i progressi tecnologici per rafforzare ulteriormente l’impegno verso la protezione ambientale. In particolare, seguendo la strada avviata nel luglio 2015 con un programma di ricerca teso a migliorare le soluzioni di riduzione delle emissioni di NOx, la casa della Losanga ha deciso di mettere in campo un miglioramento delle performance dei sistemi antinquinamento EGR (ricircolo dei gas di scarico).

L’obiettivo di questo programma, che prevede un budget supplementare di 50 milioni di euro, è ridurre in modo significativo il divario tra emissioni reali ed emissioni regolamentate. Dal mese di luglio 2016, l’EGR migliorato sarà progressivamente integrato nelle auto in uscita dagli stabilimenti del gruppo. Parallelamente, in previsione delle future norme Euro6d, Renault porta avanti in collaborazione con Nissan, suo partner nell’Alleanza, il programma di investimenti nella R&S, per un importo di 1,2 miliardi di euro in cinque anni, per sviluppare la nuova generazione di motori, sempre più puliti e performanti; è stato deciso che tale programma subirà un’accelerazione. (ANSA).


CONDIVIDI
Articolo precedenteLegge di Stabilità: testo e relazione tecnica. Tutte le novità su lavoro e pensione
Articolo successivoLegge di Stabilità: le novità fiscali per il 2016, tutti i punti del testo

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here