Il nome è tutto un programma: VirtualSuzuki , ovvero un modo nuovo di conoscere l’auto da comprare attraverso un percorso sensoriale del tutto inedito.

Il Sistema rappresenta il primo esempio di applicazione di questa tecnologia concepita e sviluppata con l’obiettivo di proporre all’utente un contatto realistico con una vettura non presente fisicamente. Con la realtà virtuale l’utente ha la possibilità di navigare in ambientazioni immersive: indossando il visore Oculus Rift, la tecnologia offre un’ osservazione a 360° degli interni e degli esterni dell’auto, la possibilità di accomodarsi a bordo della vettura e visualizzare ogni dettaglio esattamente come dal vivo.

Dopo aver configurato il modello e l’allestimento scegliendo tra le 16.212 combinazioni disponibili, il coinvolgimento sensoriale dell’utente è esaltato dalla possibilità di vivere in tempo reale l’esperienza multisensoriale in ambientazioni panoramiche suggestive. Le immagini proposte riproducono puntualmente le finiture di ogni più piccolo dettaglio dell’auto, restituendo una affidabile percezione di realtà. In più, il Sistema è facilmente trasportabile, e offre quindi la possibilità ai clienti di vivere l’esperienza ovunque. da: repubblica.it


CONDIVIDI
Articolo precedenteStabilità 2016: quali sono le agevolazioni fiscali in arrivo?
Articolo successivoBanche e Obbligazioni: nulle le clausole dei contratti di mutuo o conto corrente, quando?

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here