E’ stato appena pubblicato dall’INPS un bando per la selezione di 341 operatori appartenenti al settore socio-sanitario.

Tra le figure cercate, Medici, Assistenti Sociali e Psicologi che dovranno occuparsi degli adempimenti medico legali connessi alle leggi 104 e 68, con attinenza alle Unità operative Complesse (Uoc) e alle Unità Operative Semplici (Uos), tanto a livello centrale quanto a livello territoriale.

VAI ALLO SPECIALE SU CONCORSI PUBBLICI 2016


QUAL E’ LA SCEDENZA ENTRO CUI PRESENTARE DOMANDA?

Ai fini della trasmissione della rispettiva candidatura, il tempo disponibile arriva fino alla data del 30 dicembre 2015. Le domande infatti, che potranno essere compilate soltanto online fruendo del form inserito nel sito internet dell’INPS, dovranno essere presentate, accompagnate da apposito curriculum, entro massimo la mezzanotte di mercoledì 30 dicembre 2015. Tra le Regioni disponibili, sarà poi possibile sceglierne soltanto una.

QUALI SONO I REQUISITI PER PARTECIOPARE AL BANDO?

Ai fini dell’ammissione al bando, i candidati dovranno corrispondere ai seguenti requisiti di partecipazione, o meglio dovranno essere iscritti ai seguenti albi professionali:

1) Medici Chirurghi e degli Odontoiatri;

2) Psicologi;

3) Assistenti Sociali.

Esclusi, invece, tutti gli aspiranti candidati che risulteranno aver svolto, nel corso dell’ultimo anno di servizio, attività, ruoli o funzioni di natura medico-legale in ambito assistenziale o previdenziale, tramite un rapporto lavorativo a tempo indeterminato.

Non potranno partecipare al bando anche tutti coloro che:

1) risultano inseriti nelle liste speciali provinciali in qualità di medico fiscale;

2) prestano presentino la rispettiva candidatura per incarichi amministrativi o politici, oltre che per cariche pubbliche elettive, incarichi governativi e mandati parlamentari;

3) hanno svolto (o svolgono tuttora) collaborazioni con CAF e Patronati nel corso degli ultimi 3 anni;

4) ricoprono un analogo incarico presso Commissioni mediche in ambito assistenziale o previdenziale, rispetto a quello oggetto della selezione, e in maniera indipendente dall’ambito territoriale;

5) svolgono attività, come medico generale o pediatra convenzionato con il Servizio Sanitario Nazionale, presso il territorio dove dovrebbe svolgersi l’incarico;

6) prestano consulenze tecniche di parte, per conto di privati, riguardanti l’attività dell’INPS oppure effettuano consulenze tecniche d’ufficio nei procedimenti giudiziari in cui l’INPS risulta legittimato passivo;

7) sono dipendenti a tempo indeterminato di un ente pubblico o privato;

8) risultano titolari di imprese o aventi partecipazioni, qualora sussista un conflitto di interessi con l’Istituto di Previdenza;

9) hanno avuto a loro carico condanne penali o sanzioni disciplinari o hanno in corso procedimenti penali.

COME FUNZIONA LA SELEZIONE?

Il processo di selezione valuterà i seguenti requisiti:

1) titoli di studio: specializzazioni, dottorati di ricerca e altri titoli rilasciati dalle Università (per un massimo di 40 punti su 100);

2) titoli scientifici e professionali che emergono dal curriculum (per un massimo di 40 punti su 100);

3) titoli di servizio in attività assistenziali o previdenziali presso la Pubblica Amministrazione (per un massimo di 20 punti su 100).

Nei casi di parità di punteggio, passa il candidato più giovane.

QUALI INCARICHI VERRANNO CONFERITI CON IL BANDO?

Gli incarichi professionali che verranno conferiti ai selezionati saranno a tempo determinato, con una durata non superiore ad un anno, con decorrenza dal 1° gennaio 2016 e con scadenza al 31 dicembre 2016. Gli stessi, però, saranno rinnovabili per un periodo massimo di 12 mesi.

Per ogni seduta (mattutina o pomeridiana) lo stipendio previsto è di  50 euro, aumentabile però fino a 100 euro giornalieri qualora la seduta mattutina dovesse prolungarsi anche in fasce di orario pomeridiane, con un’attività lavorativa comunque non inferiore alle 3 ore per ciascuna sessione.


CONDIVIDI
Articolo precedenteStabilità: arriva il fondo statale che versa gli assegni di mantenimento?
Articolo successivoLegge di Stabilità: in anteprima il testo approvato dalla Camera

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here