Un emendamento alla legge di Stabilità 2016, depositato ieri in Commissione Bilancio dall’Esecutivo, prevede l’anticipo al 2016 della no tax area sulle pensioni fino a 8mila euro.

VAI ALLO SPECIALE RIFORMA PENSIONI

ANTICIPATA L’ESTENSIONE DELLA NO TAX AREA


La no tax area verrà quindi estesa da 7.500 a 8mila euro, in anticipo di un anno rispetto a quanto inizialmente previsto dalla manovra finanziaria.

L’intento del Governo è quello, attraverso la misura, di riuscire ad accogliere le richieste avanzate sia dalla minoranza Dem che dalle parti sociali, e così riuscire a dare una prima boccata d’ossigeno ai pensionati che ricevono gli  assegni più magri.

PROROGATA LA DIS-COLL

Accogliendo un’ulteriore richiesta proveniente dall’area Dem, il Governo ha inoltre optato per la proroga della disoccupazione per i collaboratori, la cosiddetta dis-coll, dal 2015 al 2016 e al 2017. Quei soggetti, dunque, che dovessero perdere il lavoro parasubordinato anche dopo il 2015 avranno comunque diritto ad un sostegno economico per un periodo che durerà massimo 6 mesi.

GLI ALTRI EMENDAMENTI

In attesa che la legge di Stabilità passi il vaglio dell’Aula della Camera, partito oggi, continuano i confronti in Commissione sugli emendamenti per sciogliere i nodi su:

estensione dell’Opzione donna (per riuscire ad includere anche le lavoratrici nate nell’ultimo trimestre del 1958);

VAI ALLO SPECIALE SU OPZIONE DONNA

revisione della settima salvaguardia (apportandovi alcuni ultimi ritocchi);

VAI ALLO SPECIALE SU SETTIMA SALVAGUARDIA

– cancellazione della penalizzazione per i lavoratori precoci usciti prima del 2015 (così come proposto dall’emendamento Bolognesi-Gnecchi).

tutela aggiuntiva NASPI per gli stagionali anche per il 2016 (così come richiesto dall’emendamento 20.64, segnalato dalla Commissione lavoro della Camera presieduta da Cesare Damiano);

VAI ALLO SPECIALE SU NASPI

– consentire l’uscita ai lavoratori della scuola che possiedono la certificazione di salvaguardia (con un emendamento ad hoc volto appunto a superare l’attuale impasse tra INPS e Ministero dell’Istruzione).


CONDIVIDI
Articolo precedenteContratti di collaborazione e Lavoro subordinato: binomio che crea confusione
Articolo successivoSportello sui diritti dello studente: interrogazioni e sanzioni disciplinari

1 COOMENTO

  1. stanno lavorando r cambiando positivamente alcune distorsioni ma sull’argomento ricongiunzione contributi Onerosa non ne parlano più; perchè? eppure si renderebbe giustizia a chi ha versato i contributi in più Istituti previdenziali nel corso della propria vita lavorativa.

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here