Domani invece blocco e multe

Roma

Stop ai veicoli inquinanti, ma senza multe. Accade oggi a Roma, per la mancanza di comunicazione del provvedimento ai cittadini. Con un’ordinanza firmata ieri, il commissario Francesco Paolo Tronca aveva disposto il blocco della circolazione nella fascia verde per i veicoli più inquinanti dalle 7.30 alle 20.30 di oggi. Ma, poi, a causa “della tardiva comunicazione” del provvedimento, il Campidoglio ha deciso in autotutela di annullare le eventuali multe ai trasgressori. Domani invece, “tenuto conto del superamento di PM10 nell’aria oltre il limite consentito dalla normativa”, il blocco dei mezzi inquinanti ci sarà e sarà pienamente in vigore, multe comprese.

In merito all’Ordinanza odierna concernente i ‘Provvedimenti per il contenimento dell’inquinamento atmosferico’, che dispone per la giornata di oggi il blocco del traffico per i veicoli più inquinanti che rientrano nella Fascia cosiddetta Verde del Pgtu – fa sapere una nota del Campidoglio – si precisa che tale ordinanza viene messa in atto per ‘automatismo’ ogni qualvolta il livello di polveri sottili nell’aria sfori i limiti consentiti. A causa di un’intempestività registrata nella comunicazione all’utenza, il Commissario Straordinario di Roma Capitale ha impartito disposizioni agli uffici affinché provvedano in autotutela all’annullamento dei verbali di infrazione relativi alla giornata di oggi, per evitare che i cittadini vengano penalizzati dalla tardiva informazione“.

“Nel contempo – prosegue la nota – tenuto conto del superamento di PM10 nell’aria oltre il limite consentito dalla normativa, l’Ordinanza commissariale relativa al blocco della circolazione nella Fascia Verde per i veicoli più inquinanti sarà in vigore domani, giovedì 12 novembre, dalle ore 7.30 alle ore 20.30. Si ricorda che lo stop riguarderà le seguenti categorie veicolari: autoveicoli a benzina “euro 0”, “euro 1”; autoveicoli diesel “euro 0”, “euro 1” e “euro 2”; motoveicoli e ciclomotori a due, tre, quattro ruote a 2 e 4 tempi “euro 0” e “euro 1”; microcar diesel “euro 0” e “euro 1″”. (ansa.it)


CONDIVIDI
Articolo precedenteBMW X1 la libertà nella sua forma più bella
Articolo successivoToyota investe sull’auto intelligente

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here