Dopo l’approvazione della Camera, giovedì scorso, al nuovo reato di omicidio stradale, ora che si attende soltanto il via libera del Senato, sono diverse e contraddittorie le reazioni sollevate dalle associazioni impegnate sul fronte della sicurezza stradale. La nuova disposizione risponde alla necessità di rendere più severe le pene per i pirati della strada che provocano gravi incidenti causando vittime. L’obiezione più diffusa, tuttavia, recrimina alla nuova norma il rischio di mandare in carcere qualsiasi guidatore che commette un’infrazione.

LEGGI ANCHE: Reato di omicidio stradale, il sì della Camera: le nuove sanzioni

In realtà non è quello che prevede la nuova disposizione normativa che, sì, appesantisce le sanzioni ma limitatamente ai casi più gravi; sono infatti altrettanto numerose, al pari di chi contesta la norma, le associazione che invece pretendono una severità penale persino maggiore. In merito alle casistiche più gravi è unanime il giudizio che giustifica la previsione di pene più severe. In questi casi, senza considerare la graduazione che è molto ampia e senza valutare eventuali aggravanti o attenuanti intervenenti, la pena può variare da 5 fino a 18 anni di reclusione.


In questo modo si elimina il rischio di ricadere nella soglia dei 2 anni (per la quale può scattare la sospensione condizionale della pena) e così evitare di lasciare fuori dal carcere gran parte degli eventuali responsabili di incidenti mortali, così come invece è avvenuto nel corso degli ultimi anni. Secondo la nuova disposizione, si può ottenere il dimezzamento della pena prevista, vale a dire 2 anni e mezzo, soltanto nei casi in cui si delinea un concorso di colpa da parte della vittima.

Le obiezioni, invece, si riferiscono all’avvenuto inserimento tra le infrazioni ritenute più gravi di altre che non sempre risultano tali, quali quelle su velocità e sorpasso con striscia continua. In maniera poi diametralmente opposta, fanno notare i più critici, risultano in alcuni casi troppo miti le pene previste per il reato, sempre introdotto dal ddl, di lesioni personali stradali per le quali il minimo fissato è di soli 3 mesi, nonostante nelle circostanze più gravi la reclusione possa arrivare fino a 7 anni.

LEGGI ANCHE: Nuovo codice della strada: omicidio stradale per incidenti mortali

L’Associazione italiana familiari vittime della strada (Aifvs) ha, inoltre, fatto notare che, quando si delinea concorso di colpa della vittima, la discrezionalità del giudice, chiamato a decidere la pena entro il limite massimo e minimo prevosti dalla legge, risulti eccessivamente limitata. Infine, anche sulle carenze investigative che spesso rilevano l’impreparazione delle Forze dell’Ordine nell’eseguire adeguate perizie in caso di incidenti gravi, si concentrano molte perplessità.


CONDIVIDI
Articolo precedenteEXPO 2015 al traguardo: celebrazione di chiusura e tempo di bilanci
Articolo successivoBologna rottama il Motor Show.

3 COMMENTI

  1. Quindi se una persona alla guida non è ubriaco ma fa un inversione causando la morte di un figlio di 25 anni sulla sua corsia in moto questo lo scagiona? È solo una stupida distrazione?

  2. sarà divertente (per chi non ci incappa) vedere quante vite saranno rovinate da quest’allargamento indiscriminato della responsabilità per la guida stradale.
    Sarà possibilissimo che per una mera distrazione di un decimo di secondo persone assolutamente sobrie, attente e rispettose delle norme finiscano in un tritacarne giudiziario.
    Al solito si passa da un eccesso all’altro.
    Sarebbe stato sufficiente punire chi guida in stato alterato ed eventualmente chi fosse stato ritenuto viaggiare a velocità notevolmente superiori al limite nei centri abitati.
    Si ricordi che l’Italia è la patria dei segnali stradali messi nel modo più delirante che esista e che, se rispettati in modo tassativo, renderebbero impossibile la guida o assai pericolosa.
    (vedasi i cartelli con 40 km orari di limite massimo che sbucano su strade con velocità molto più elevate previste nel tratto precedente e altre fesserie del genere).
    Una volta si diceva che in Egitto non era il caso di prendere auto a nolo senza conducente per il rischio di finire in grane giuridiche. Con questa legge anche in Italia si farà bene a far guidare un altro.

  3. Eccesso di velocità e sorpasso con striscia continua sono infrazioni gravissime, precisamente CRIMINALI.

    Non scherziamo.

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here