Il Campione del Mondo 2006 MotoGP, lo statunitense Nicky Hayden, sarà inserito nella Hall of Fame e diventerà una MotoGP Legend.

Nicky Hayden, 34 anni di Owensboro (Kentucky), sarà il 22º pilota a esser inserito nella Hall of Fame delle MotoGP Legend nella cerimonia che si terrà in concomitanza con il round finale della stagione 2015 a Valencia. Di recente l’americano ha annunciato che lascerà la classe regina per andare a correre in Superbike nel 2016.

Hayden_Motegi_conferenza

Vincitore di 3 Gran Premi in carriera, Nicky Hayden ha conquistato il titolo mondiale piloti MotoGP nel 2006 con Repsol Honda, mettendo fine alla striscia  di cinque mondiali consecutivi dal 2001 al 2005 di Valentino Rossi. Ultimo campione del mondo a stelle e strisce, Hayden è stato pilota del team HRC Repsol accanto a Valentino Rossi, Alex Barros, Max Biaggi e Dani Pedrosa.


Nel 2009 è diventato pilota ufficiale Ducati dove ha condiviso diviso il box prima con l’australiano Casey Stoner, poi di nuovo con Valentino Rossi e infine con Andrea Dovizioso nelle difficili stagioni della casa di Bologna. L’arrivo di Audi in Ducati nel 2013 non ha migliorato le cose e l’americano a fine stagione aveva lasciato Borgo Panigale dopo cinque anni insieme.

Hayden-Rossi_MotoGP

Il 2014 ha rappresentato una nuova sfida per Kentucky Kid, tornato sotto l’ala di Honda nella struttura di Aspar Martinez: ma la stagione si è rivelata più difficile del previsto a causa di un brutto infortunio che lo ha costretto a saltare 5 GP. Confermato anche in questo 2015, in sella alla Honda in configurazione ‘Open’, Nicky Hayden lascerà la categoria dopo 216 presenze. Quando siamo al Gran Premio d’Australia, Nicky è salito sul podio 28 volte, ha registrato 7 giri più veloci e conquistato 5 pole position.

La lista delle MotoGP Legends include Giacomo Agostini, Mick Doohan, Geoff Duke, Wayne Gardner, Mike Hailwood, Daijiro Kato, Eddie Lawson, Anton Mang, Angel Nieto, Wayne Rainey, Phil Read, Jim Redman, Kenny Roberts, Jarno Saarinen, Kevin Schwantz, Barry Sheene, Marco Simoncelli, Freddie Spencer, Casey Stoner, John Surtees e Carlo Ubbiali.


CONDIVIDI
Articolo precedenteLexus GS F, supercar in abito da sera
Articolo successivoDS4, il lusso ad assetto rialzato

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here