Tra gli interventi inseriti nella nuova manovra di Stabilità 2016, approvata ieri, 15 ottobre 2015, dal Consiglio dei Ministri a Palazzo Chigi sono inserite anche specifiche azioni volte ad intensificare la lotta contro la povertà e la tutela delle fasce più deboli della popolazione. Novità emergono anche sul fronte della cooperazione  internazionale.

Vediamo di seguito i punti nel dettaglio:

CONTRASTO ALLA POVERTÀ


Viene istituito presso il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali il nuovo ‘Fondo per la lotta alla povertà e all’esclusione sociale’ al quale viene assegnato l’importo di 600 milioni di euro per il 2016 e di un miliardo a decorrere dal 2017. Il Fondo, si legge nel comunicato stampa del Cdm, ha lo scopo di finanziare la legge delega sulla povertà che verrà approvata come collegato alla legge di Stabilità.

LEGGI ANCHE:

Legge di Stabilità 2016: tutto sul pacchetto fiscale che riduce le tasse

Legge di Stabilità 2016, flessibilità part-time, Tasi, Ires: tutti gli interventi

Prende avvio così il primo intervento strutturale contro la povertà, che sarà primariamente rivolto alle famiglie povere che hanno minori a carico. In forma sperimentale viene poi istituito un secondo Fondo che risponde allo scopo di sovvenzionare specifiche misure di sostegno contro la povertà educativa, sostenuto da versamenti realizzati dalle fondazioni bancarie. Altri 100 milioni l’anno dovrebbero, dunque, essere resi disponibili mediante questa seconda iniziativa.

SOSTEGNO AI PIU’ DEBOLI

Sono previsti 90 milioni nel 2016 per la Legge sul “Dopo di noi” che punta a sostenere persone con disabilità nel momento in cui vengono meno i rispettivi familiari. A ciò si aggiunge il rifinanziamento del Fondo per la non autosufficienza per un totale di 400 milioni di euro (CLICCA QUI PER ACCEDERE AL FORUM DELLA NON AUTOSUFFICIENZA)

COOPERAZIONE

I fondi per la cooperazione internazionale subiscono un aumento stimato a 120 milioni nel 2016.


CONDIVIDI
Articolo precedenteStabilità 2016: tutte le novità per imprese e professionisti
Articolo successivoPensioni, esodati, Opzione donna: le novità della Stabilità 2016

1 COOMENTO

  1. Salve.chiedevo non avendo un lavoro con 59 anni e 20 anni di contributi posso avere un sussidio dello stato.vedo. che non ce niente di chiaro.

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here