mini-clubman

L’evoluzione della Mini non ci stupisce più, ormai ci ha abituati alle modifiche tecniche e strutturali, ma la versione che abbiamo ammirato con la  versione Clubman, che a breve vedremo nelle concessionarie, le porte diventano 5 e le dimensioni crescono non di poco. Sono 27 i cm in più in lunghezza, 9 in larghezza e il passo cresce di 10 cm. Il volume del bagagliaio, capacità 360 litri, arriva a 1.250 abbattendo lo schienale della panca posteriore.

Lo spazio interno è in sinergia con quello che si è già ammirato sulle nuove MINI di terza generazione, con il grande strumento centrale che integra il display touch del sistema di infotainment e quello più piccolo sopra la colonna dello sterzo. Nella parte bassa della plancia si trovano, invece, i comandi dell’aria condizionata, quello del freno di stazionamento elettrico, il MINI controller, due portabicchieri e dei piccoli vani portaoggetti. Anche nelle motorizzazioni non c’è nessuna particolare novità e al lancio saranno disponibili solo le versioni più sportive.


Sono 6 le motorizzazioni disponibili per chi vuole mettersi in garage la nuova Clubman, di cui 3 Diesel, tutte Euro 6.Vediamole nel dettaglio.
Mini Cooper S Clubman: motore quattro cilindri a benzina con tecnologia Mini TwinPower Turbo (turbocompressione, iniezione diretta di carburante, comando valvole variabile, regolazione variabile degli alberi a camme), cilindrata: 1.998 cm, potenza: 141 kW/192 CV a 5.000 g/min,  coppia max: 280 Nm a 1.250 g/min (300 Nm con overboost), accelerazione (0–100 km/h): 7,2 secondi (cambio automatico: 7,1 secondi),  velocità massima: 228 km/h, consumo combinato di carburante: 6,3 – 6,2 litri (5,9 5,8 litri)/100 chilometri.

L’altra grande novità introdotta dalla vettura anglo-tedesca, è la possibilità di equipaggiare i modelli a quattro cilindri con il cambio automatico ad otto rapporti. La novella autovettura ha delle caratteristiche positive è più grande e certamente più station wagon, una volta in strada si conferma pur sempre una Mini.

Lo spirito sportivo non viene meno è un capitolo imprescindibile della Clubman. Sebbene la nuova generazione sia stata ingentilita nei modi, rimane una vettura potenzialmente divertente. Il passo maggiorato l’ha resa un poco più stabile sul veloce, ma non ne ha stravolto il carattere. L’assetto si dimostra rigido, meno incisivo rispetto alla generazione precedente. La sua rigidità comporta una maggior rumorosità.

 


CONDIVIDI
Articolo precedenteLegge di Stabilità 2016 approvata: ecco tutte le novità che contiene
Articolo successivoAlcol e droga alla guida, domani a Cosenza vi sarà un’interessante assise di studio

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here