Omicidio stradale ed ergastolo della patente, sono le tematiche che oggi alla sessione del Codice della strada e diritto penale: dall’inasprimento delle sanzioni pecuniarie al ritorno della pena. Il ddl per l’inserimento del reato di omicidio stradale, verranno trattate.

E’ stato questo il tema centrale che della mattinata del 15 ottobre 2015, che darà il via alla 2 edizione del Meeting nazionale della Polizia Locale italiana POL 2015, presso la stupenda città di Cosenza.

Certamente sarà una sessione molto animata in quanto la tematica è attuale e tocca da vicino molte famiglie. Però non dimentichiamoci che la stessa deve essere studiata e legiferata sotto l’aspetto del diritto.


Personalmente assieme ad altre associazioni in primis ASAPS vicina alla polizia stradale che da tempo si batte, raccogliendo sempre maggiori supporter, affinché si arrivi ad una sostanziale modifica legislativa che renda più dure e dunque più deterrenti oltre che più giuste, le pene per chi provoca tragedie sulle strade.

Conoscendo il tavolo di lavoro che gli organizzatori hanno previsto, sarà certamente un ottimo momento di studio professionale.

Non per polemica, ma correva il 10 giugno 2015 quando leggevo sui giornali e sui siti: il Senato ha approvato oggi il Ddl sull’Omicidio Stradale e sulle Lesioni Stradali con 163 voti favorevoli, 65 contrari e 2 astenuti. Non è stata però una giornata semplice per il governo, che ha visto approvare due emendamenti bocciati dallo stesso esecutivo in commissione. Sono stati approvati infatti gli emendamenti 114 e 115 (accorpati in un’unica votazione in quanto identici) e 117, che hanno modificato l’art 1 del Ddl che prevedeva una pena da 7 a 10 anni di reclusione per i conducenti di veicoli a motore nei casi in cui avessero cagionato la morte “a seguito di attraversamento del semaforo rosso, di manovra di inversione del senso di marcia in prossimità o in corrispondenza di intersezioni, curve o dossi o a seguito di sorpasso di un altro mezzo in corrispondenza di un attraversamento pedonale o di linea continua”.

Oggi, discutiamo di questo sapendo che l’ergastolo della patente è stato ….

Per i famigliari delle vittime dobbiamo fare qualcosa, non possiamo più vedere mazzi di fiori lungo le strada e patenti senza figli.


CONDIVIDI
Articolo precedentePorsche prepara 911 ‘pura’, motore aspirato e cambio manuale
Articolo successivoCondominio: come installare un impianto fotovoltaico per uso domestico

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here