Oggi in discussione al Senato sbarca il tanto discusso, e atteso, ddl sulle unioni civili. In base a quanto stabilito dalla conferenza dei capigruppo a Palazzo Madama, e nonostante la ferma opposizione dell’ala cattolica Ap, il ddl è da poco approdato in aula (alle 9.30 è iniziata la relazione sui lavori relativi al testo denominato Cirinnà-bis) anche se “semplicemente incardinato”, come precisato dallo stesso capogruppo Pd Luigi Zanda. Toccherà infatti attendere, per la votazione, la fine della sessione di bilancio sulla legge di Stabilità.

TUTTE LE NOVITA’ DELLA NUOVA LEGGE LE TROVI NEL SEGUENTE VOLUME

Unioni civili e convivenze

Unioni civili e convivenze

Cianciolo Valeria, 2016, Maggioli Editore

Il testo commenta la legge n. 76/2016 conosciuta come “legge Cirinnà”. Le nuove regole su unioni civili e convivenze di fatto si applicheranno a partire dal 5 giugno 2016. Le persone dello stesso sesso attraverso una dichiarazione di fronte all’ufficiale di...



CONSULTA IL TESTO: Disegno di legge su Regolamentazione delle unioni civili tra persone dello stesso sesso e disciplina delle convivenze

Il Premier, Matteo Renzi, è tornato proprio ieri sul tema sottolineando come “Le unioni civili sono un argomento che divide profondamente tant’è che siamo l’unico Paese in Europa senza una legge”. “Sul 95% della legge c’è accordo. Spero che si possa discutere delle unioni civili senza toni di furore ideologico, ma cercando di trovare un punto di sintesi. L’importante è che la legge si faccia”, ha commentato il premier auspicando di poter trovare un punto di intesa.

LEGGI ANCHE:   Ddl Unioni Civili: si rischia l’ennesimo rinvio

Non sembrano bastare le rassicurazioni di Renzi, che ha comunque rimarcato come sul testo verrà lasciata ampia “libertà di coscienza”, al presidente dei senatori Ap, Renato Schifani, che lamenta: “Il calendario è stato approvato con la nostra contrarietà”. Un punto che risulta “insuperabile” anche per gli alleati centristi è quello che riguarda le adozioni. “Il bambino ha il diritto ad avere un papà e una mamma: non si scherzi con i bambini”, ha commentato Angelino Alfano.

LEGGI QUI:  La proposta di legge approvata dal Senato della Repubblica l’11 marzo 2015 recante Modifiche alla legge 4 maggio 1983, n.184, sul diritto alla continuità affettiva dei bambini e delle bambine in affido familiare 


CONDIVIDI
Articolo precedenteLegge di Stabilità: il tetto del contante si alza da mille a 3mila euro
Articolo successivoPorsche Macan S Diesel by Hamann

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here