Quando venne presentata nella storia recente, il Cinquone di Romeo Ferraris stupì da subito. Realizzata su base Fiat 500, l’automobile poteva vantare tre diverse motorizzazioni, dai 160 ai 248 cavalli di potenza. Lo stile estetico, volutamente massiccio, conferiva una nota davvero aggressiva alla vettura, che certamente non passava inosservata, anche per via di un sound tutt’altro che discreto.

Per andare incontro alle numerose richieste della clientela che era alla ricerca di un look più sobrio, è nata la Romeo S. Si tratta di un’auto identica nella meccanica al Cinquone. Spinta da un motore T-Jet New da 1.4 litri, in grado di erogare ben 248 cavalli di potenza e 330 Nm di coppia, brucia lo scatto da 0 a 100 km/h in appena 5.5 secondi, fermando il contachilometri ben oltre i 240 all’ora. Il cambio è un manuale a 5 rapporti, scelta compiuta per permettere a chi sta seduto dietro al volante di godere di tutto il piacere di guida.

L’unico limite alla realizzazione degli interni, è la fantasia del cliente


L’assetto è stato realizzato in stretta collaborazione con Bilstein, che ha fornito l’auto di ammortizzatori regolabili in altezza, mentre per l’impianto frenante la Romeo Ferraris ha deciso di rivolgersi alla Brembo, la quale ha dotato la Romeo S di dischi flottanti da 305×28 con pinze a quattro pompanti, ben visibili attraverso i cerchi da 18″, realizzati ad hoc.

Disponibile sia nella versione coupé che nella variante en plain air, una delle particolarità della Romeo S è l’apertura delle portiere in stile Lamborghini. La verniciatura spazzolata, poi, le conferisce una spinta in più anche sotto il profilo dell’unicità: in sostanza, sembra quasi che la vettura modifichi la propria pigmentazione al variare dell’illuminazione ambientale. Di pregio, infine, i particolari in carbonio.

Gli interni, poi, sono realizzati su richiesta, facendo si che non ne esista una uguale all’altra. In queste foto, possiamo ammirare la versione di lancio, con sedili rivestiti in pelle con impunture verdi a vista, cruscotto in teck ed inserti in carbonio. 

I prezzi partono da 53.192 euro per la versione, mentre ne occorrono 3 mila in più per la cabrio. (da: msn.com)


CONDIVIDI
Articolo precedenteRally di Corsica, nella pioggia Latvala prende la testa
Articolo successivoFiera di Roma tutto pronto per la seconda edizione della supercar

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here