Si prospettano tempistiche più lunghe per poter esercitare la cosiddetta Opzione donna. A confermarlo la nota 145949 del 14 settembre, diffusa dall’Istituto di previdenza in risposta ad un quesito posto dai Patronati del Ce.Pa. (Inas, Inca, Ital e Acli). Così come già precisato dalle Circolari Inps 35 e 37 del 14 Marzo 2012, le lavoratrici che abbiano maturato i requisiti di decorrenza della pensione entro il 31 dicembre 2015 potranno dunque esercitare l’opzione anche successivamente a tale data.

Questa prospettiva non apporta, tuttavia, nessuna modifica ai vincoli imposti dall’Inps nel 2012 contro i quali sono migliaia le lavoratrici che si stanno battendo all’interno delle aule di giustizia. Per le lavoratrici rimane, infatti, la soglia dei 57 anni e 3 mesi (58 anni e 3 mesi per quelle autonome) da maturare, insieme a 35 anni di contributi con un anno di anticipo rispetto alla scadenza prevista inizialmente dalla legge 243/04.

Entro, quindi, il 30 novembre 2014 le dipendenti del settore privato; entro il 30 dicembre 2014 le dipendenti del pubblico impiego e infine entro il 31 maggio 2014 le lavoratrici autonomeSi clicchi qui per consultare la tabella, suddivisa nelle 3 categorie (lavoratrici autonome, dipendenti del settore privato, dipendenti del settore pubblico), contenente tutte le indicazioni necessarie.


I requisiti anagrafici, contributivi e di finestra devono pertanto essere modulati  in modo da poter fissare entro il 31 dicembre 2015 la prima decorrenza utile della pensione. Le lavoratrici potranno però decidere di lasciare il lavoro e di “optare” anche successivamente a questa data se presenteranno prima le relative domanda e cessazione del rapporto di lavoro dipendente.

Una lavoratrice dipendente del settore privato, ad esempio, che abbia perfezionato nel mese di novembre 2014 i requisiti sia anagrafici (57 anni e 3 mesi) che contributivi richiesti (35 anni), con l’annessa apertura della finestra temporale a partire dal 1° dicembre 2015, può dunque avvalersi di questa facoltà e così accedere al trattamento pensionistico anche successivamente a tale data.


CONDIVIDI
Articolo precedenteGuida in stato di ebbrezza, sinistro stradale con investimento pedone
Articolo successivoAuto: foglio proprietà digitale,verso libretto unico

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here