Sulla mancata soluzione che la riforma pensioni non sembra prevedere per i lavoratori precoci, il sindacato torna a pretendere risultati dall’Esecutivo, chiedendo di mettere in calendario un incontro. “Bisogna mettere un tetto e consentire di andare in pensione quando si raggiungere una certa età di contributi” sono state le parole della sindacalista della Cgil, Vera Lamonica. L’opinione del sindacato sottolinea l’esigenza di non superare il tetto dei 41 anni, “mentre oggi occorre lavorare sino a 41 anni e mezzo per le donne e fino a 42 e mezzo per gli uomini” ha dichiarato Lamonica prospettando “uno scenario inaccettabile che colpisce le pensioni da lavoro”.

Stante la situazione che vede di fatto un progressivo quanto inesorabile allungamento dei tempi di permanenza sul lavoro, con ripercussioni negative tanto sul fronte dei lavoratori sottoposti a condizioni difficili o usuranti, quanto su quello del blocco del turn over, la Cgil chiede al Governo di fissare un incontro con le parti sociali.

Incontro reputato necessario per poter stabilire in maniera condivisa oneri e responsabilità intrinsechi ad una riforma che vuole rimettare mano ai criteri di accesso alla pensione. L’Esecutivo già da tempo si sta pronunciando a favore di inserire un intervento di flessibilità nella prossima legge di Stabilità, rendendo così la misura attuabile già a partire da gennaio 2016. Per questo motivo, ha lamentato la sindacalista, “non si capisce perché un tavolo non si apra davvero, fuori dagli slogan e dalle semplificazioni”.


In realtà sono ancora tante le incertezze circa i criteri di apertura, sia anagrafici che contributivi, che verranno scelti, mentre i lavoratori continuano a dubitare che l’operazione sia davvero a costo zero per le casse dell’Inps.


CONDIVIDI
Articolo precedenteTassa sulla prima casa: Bruxelles invita il Governo a non abolirla, perché?
Articolo successivoDieselgate: meno gasolio e più auto elettriche

10 COMMENTI

  1. non capisco perche abassare le maxi pensioni da 50000 euro e anche piu sia anticostituzionale .invece alzare il traguardo della pensione a chi si spacca leteralmente la schiena di nove anni non è anticostituzionale ?!sapete cosa vi dico che io il voto a loro qui non glielo do neanche sotto tortura,per non parlare dei sindacati con la decisione fornero monti non è stato fatto un giorno di sciopero !?anche qui tessera strappata di fronte al sindacalista di turno .

  2. Buon giorno, sono un metalmeccanico ed un lavoratore precoce.
    penso che 41 anni di contributi siano più che sufficienti, io sono uno di quelli stufi e stanchi ma ci dobbiamo mettere in testa che in pensione ci dobbiamo restare per liberare i posti ai giovani e non essere avidi, lo stato dovrebbe bloccare la pensione a chi rientra a lavoro. Secondo me sarebbe giusto per farci riflettere.

  3. o iniziato a lavorare a 16 anni e mezzo ed ero contento di lavorare oggi mi trovo a 57 anni a lavorare come uno che ne ha 18 e con il rischio di perdere il posto di lavoro prima gli anziani venivano collocati in azienda in posti più calmi oggi pretendono che a 57 anni si lavori più di un 18 enne e cambiato il momndo ma a prenderlo nel di dietro siamo sempre noi
    e devo lavorare fino a 61 per andare in pensione a43 anni di contributi vi devono mandare a lavorare prima di legiferate perché voi non capite un c…….zo del lavoro voi addizionate dividete con i numeri ma parlate di persone

  4. Ho 42 anni e 4 mesi di contributi; per una settimana non riesco ad uscire a dicembre 2015 ma mi devo fare gli ulteriori 4 mesi di aumento dell’aspettativa di vita e lavorare 43 anni; i miei figli Laureati sono DISOCCUPATI. Non si vergogna nessuno dei nostri governanti a mantenere una situazione di ingiustizia sociale? Intanto bloccate definitivamente gli aumenti dell’aspettativa di vita; sono disumani.

  5. Bene molto bene sostenere la battaglia per la modifica della maledetta legge Fornero e l’introduzione di una flessibilità in uscita con la possibilità di poter accedere alla pensione con 41 anni di contributi senza alcuna penalizzazione.

  6. 40 anni di catene di montaggio dovrebbero più che
    Bastare per andare in pensione o no
    Caro Padoan???
    Forse non hai capito ancora cosa sono gli usuranti???
    Se vuoi te lo spiego io.

  7. E’ inaccettabile Che chi abbia cominciato a 16 anni non possa andare in pensione con 40-41 anni contributi e’ una vergogna per protesta non andro a votate nelle prossime votazioni apéro Che qualcuno si associ.

  8. Finalmente il sindacato che prende posizione su un diritto fondamentale dei lavoratori , il diritto di andare in pensione senza arrivare alla…Tomba! Ma senza il ricatto delle penalizzazioni, che ancora una volta favorirebbe solo chi può permetterselo, ovvero chi è più privilegiato!!

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here