Home Motori Auto, nel futuro degli italiani c’è quella elettrica

Auto, nel futuro degli italiani c’è quella elettrica

Gli italiani vedono un futuro ‘verde’ all’orizzonte dell’automobilismo. Secondo dati di uno studio europeo condotto da AutoScout24, il sito leader in Italia e in Europa per la compravendita di veicoli online, il 29% crede che fra 25 anni il panorama motoristico sarà dominato dall’alimentazione elettrica, il 21,5% dall’ibrido. Più ottimisti degli italiani, a livello europeo, sul predominio elettrico, soltanto gli spagnoli con il 37,4%.

Per quanto riguarda i carburanti alternativi, soltanto l’11,7% vede un futuro di primo piano per i biocarburanti e appena il 2% ritiene che il panorama sarà dominato da veicoli a Gpl. Per il 19,2%, invece, prenderà sempre più piede il nuovo sistema delle celle a combustibile con alimentazione a idrogeno, la stessa tecnologia utilizzata anche dai sottomarini della nostra marina militare.

Se l’auto elettrica sembra guadagnarsi il prossimo scenario, sono però tanti i progressi da compiere per soddisfare le esigenze degli automobilisti. In cima alla classifica delle preoccupazioni, l’autonomia, vero tallone d’Achille delle elettriche di oggi. Già oggi il 19,6% degli intervistati si accontenterebbe di un’autonomia di 250 km, percentuale che sale al 25,7% fra gli italiani. Molti italiani, inoltre, sembrano accontentarsi di un’autonomia di 100 km: sono il 9,8% del campione, quasi il doppio della media europea con il 5,7%.

Secondo gli europei, è soprattutto l’alto costo del carburante il principale motivo per cui i motori a combustione interna avranno poco futuro. La diminuzione delle riserve di petrolio, d’altra parte, porterà a un inevitabile aumento del prezzo della benzina e del gasolio. L’81,3% degli intervistati crede, inoltre, che i motori alternativi garantiscano un maggior comfort e il massimo piacere di guida. Sono ancora una volta soprattutto gli spagnoli e gli italiani – con una quota del 77,9% e del 76,5% – a sottolineare questo aspetto. (notizia: ansa)



© RIPRODUZIONE RISERVATA


CONDIVIDI

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome