C’è grande attesa per il mese di novembre quando partirà la cosiddetta fase C del piano assunzionale della legge 107/2015 (Buona scuola). Per la suddetta fase, la normativa in realtà non ha sancito una data precisa, tuttavia lo stesso ministro Giannini ha ribadito più volte di voler arrivare in tempo a concludere il piano straordinario di assunzioni per l’a.s. 2015/16. In merito ai posti che saranno assegnati ne risultano disponibili 55.258, di cui 48.812 comuni e 6.446 di sostegno. La distribuzione regionale è allegata alla legge 107/2015, saranno poi gli Uffici Scolastici Regionali a ripartire tali posti tra le varie province. La scuola dell’infanzia è fuori dalla fase del potenziamento.

Risulterà difficile, dunque, assegnare il numero totale di posti dal momento che gli aventi diritto, vale a dire chi ha presentato la domanda entro il 14 agosto, e che non sono stati assunti nella fase B, sono in quantità inferiore. L’obiettivo del Miur è quello di assumere tutti, tuttavia i sindacati continuano a sollevare perplessità, dal momento che si dovrà fare i conti, da un lato, con le richieste delle scuole, dall’altro, con i docenti ancora presenti in graduatoria. I posti assegnati nella fase del potenziamento dovranno infatti essere distribuiti fra le classi di concorso in base al reale fabbisogno di docenti, inclusi i collaboratori del dirigente scolastico; fabbisogno che le scuole hanno tempo di comunicare al sistema informativo dal 21 settembre al 5 ottobre. La richiesta delle scuole dovrà avvenire per aree disciplinari, il Ministero tuttavia non ha specificato migliori istruzioni.

Le scuole inoltre, nella teoria, non sono tenute a rifiutare l’attivazione dei posti di potenziamento dal momento che il posto dell’esonero/semiesonero del collaboratore scolastico deve essere comunque coperto. Il comma 85 della Buona scuola dice: “Tenuto conto del perseguimento degli obiettivi di cui al comma 7, il dirigente scolastico può effettuare le sostituzioni dei docenti assenti per la copertura di supplenze temporanee fino a dieci giorni con personale dell’organico dell’autonomia che, ove impiegato in gradi di istruzione inferiore, conserva il trattamento stipendiale del grado di istruzione di appartenenza”.


Lo stesso Dirigente può inoltre utilizzare, nelle modalità di volta in volta da concordate, i docenti per la sostituzione dei colleghi assenti. Con la nota del 3 settembre 2015, il Miur autorizza l’esonero/semiesonero del collaboratore del Dirigente, e supplenze “fino all’avente diritto” su tali posti, che poi saranno coperti a novembre dal docente del potenziamento. Dal Miur si apprende: “L’aspirante docente è nominato nella prima provincia nella quale siano disponibili posti di potenziamento per l’insegnamento per cui concorre. Tale provincia è individuata scorrendo l’ordine di preferenza indicato nella domanda”.

A questa bisogna poi  aggiungere la FAQ 22 che sancisce che “anche per la fase C l’assegnazione degli aspiranti ai posti avverrà con una particolare attenzione a garantire – al massimo delle possibilità – che ciascuno sia assegnato proprio alla prima tra le province secondo l’ordine delle preferenze espresse. Solo se nella prima provincia non sarà possibile trovare posto, perché tutti i posti risulteranno occupati da altri soggetti con maggior punteggio che hanno scelto quella provincia come prima, allora capiterà che la proposta di incarico a tempo indeterminato sarà effettuata per una provincia diversa.” Ad oggi, però l’algoritmo utilizzato per assegnare la provincia rimane ancora un mistero, sollevando dubbi ed inchieste parlamentari.


CONDIVIDI
Articolo precedentePadoan, stabilità 2016: no flessibilità pensioni, via Tasi per inquilini
Articolo successivoMerkel al salone di Francoforte, curiosità e attenzione per la super tecnologia

1 COOMENTO

  1. Perdonatemi,se formulo una domanda probabilmente gia’ sul banco delle urgenti definizioni,ma proprio non riesco a capire come si sono resi possibili posti in molte province italiane che risultavano inesistenti e di conseguenza non considerati per la mobilita’ 2015.Personalmente infatti pur avendone i requisiti sono rimasta a Roma anche per quest anno scolastico (pur abitando a Napoli dove pero’ si preferisce non attuare il tempo pieno per la scuola primaria,per creare utenza alle scuole private e soprattutto per allevare i giovani alla manovalanza ceriminale della strada!).Vi prego di farmi capire, che fine faranno gli assunti degli anni precedenti a questo che sono stati costretti al pendolarismo dopo 20 anni di supplenze,dopo divese abilitazioni ordinarie e non riservate e che a 51 anni incomincia ad avvertire la stanchezza di un sistema che di buono ha veramente poco?
    Saluti

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here