agenzia delle entrate

Il nuovo decreto legislativo sulla delega fiscale introduce regole nuove per le richieste di pagamenti a rate da parte dei contribuenti che hanno debiti con l’Agenzia delle Entrate o Equitalia, le cosiddette rateazioni, mettendo mano alle dilazioni in base alla tipologia di atto da cui il debito scaturisce. Nel dettaglio vediamo come cambiano le regole per l’avviso bonario, l’adesione e conciliazione, il lieve inadempimento, le cartelle di Equitalia e l’imposta di successione.

AVVISI BONARI PER LIQUIDAZIONE E CONTROLLI FORMALI

Si può chiedere di pagare in 8 rate trimestrali (a differenza delle attuali 6) per somme che arrivano fino a 5mila euro derivanti dalla liquidazione automatizzata della dichiarazione e dai controlli formali. Per somme, invece, superiori a 5mila euro, rimane il limite di 20 rate trimestrali. La scadenza delle rate sarà l’ultimo giorno di ciascun trimestre. Riguardo rispettivamente a:

  • controllo automatizzato delle imposte diritte e IVA, le regole che entreranno in vigore varranno dalle dichiarazioni relative al periodo d’imposta 2014;
  • controllo formale varranno a partire dalle dichiarazioni dell’anno 2013;
  • tassazioni separate, dalle dichiarazioni per l’anno 2012;
  • altre tassazioni separate, dalle dichiarazioni relative all’anno 2013.

ADESIONE E CONCILIAZIONE

Può essere richiesto il pagamento in 8 o 16 rate trimestrali (attualmente sono 12) per somme superiori a 50mila euro. La nuova regola varrà per tutti gli atti perfezionati dopo l’entrata in vigore del decreto legislativo.

LIEVE INADEMPIMENTO

Per “lievi inadempimenti” riguardanti rate non versate di importo modesto, a seguito di controllo da parte delle Entrate, non si viene a delineare il decadimento dalla rateazione. Il “lieve inadempimento” si configura in presenza di due requisiti: il ritardo non deve oltrepassare i 7 giorni; il versamento della rata che risulta difettoso deve rimanere entro una porzione non superiore al 3% del dovuto, o viceversa a 10mila euro. Con attinenza a:

  • controllo automatizzato delle imposte diritte e IVA, le nuove regole varranno dalle dichiarazioni relative al periodo d’imposta 2014;
  • controllo formale, dalle dichiarazioni dell’anno 2013;
  • tassazioni separate, dalle dichiarazioni per l’anno 2012;
  • altre tassazioni separate, a partire dalle dichiarazioni relative all’anno 2013.

CARTELLE DI EQUITALIA

Per somme superiori a 50mila, la decadenza dalla rateazione scaturisce a seguito del mancato pagamento di 5 rate anche non consecutive (a differenza dell’attuale limite di 8). La nuova regola varrà per le dilazioni concesse a decorrere dalla data di entrata in vigore del decreto e per i piani di rateazione decaduti nei 24 mesi precedenti.

IMPOSTA DI SUCCESSIONE

L’imposta di successione può essere dilazionata, a condizione di versare un acconto del 20% dell’imposta liquidata, da pagare entro 60 giorni dalla ricezione dell’atto di liquidazione. L’importo residuo si può pagare in 8 rate trimestrali oppure 12 per gli importi che superano i 20mila euro.  Nel caso in cui, tuttavia, il debito sia inferiore a 1.000 euro la dilazione non è ammessa. Il “lieve inadempimento” è previsto in 5 giorni e non più 7. La nuova regola varrà per tutti gli atti perfezionati dopo l’entrata in vigore del decreto legislativo.

NESSUNA DILAZIONE IN PRESENZA DI UNA CAUSA

Riguardo agli atti per i quali pende un contenzioso, la rateazione non può essere richiesta. In presenza di ricorso, infatti, il contribuente è tenuto a versare immediatamente 1/3 o 1/2 dell’imposta in contestazione. Su queste somme la dilazione non è ammessa. Soltanto quando gli importi passano alla competenza di Equitalia, con l’handicap tuttavia di dover pagare aggio e interessi, può essere richiesta e ottenuta la dilazione.


CONDIVIDI
Articolo precedenteVoluntary disclosure: proroga sì proroga no, quali rischi
Articolo successivoScuola: 8,5 milioni gli studenti sui banchi, alla prova la riforma Renzi

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here