Tra una decina di giorni si apriranno le porte del Salone di Francoforte, in questo periodo vi è un fermento da parte della varia case automobilistiche. Non certo fa eccezione la casa francese che porterà in terra tedesca l’restyling della DS4.

Il restyling della berlina francese sarà rappresentata dalla variante DS4 Crossback. Il suo look non passa inosservato, la personalizzazione che trova il suo punto di forza nei tratti vagamente conosciuti nei modelli da crossover, rendono un superbo stile.

Il frontale, disegnato accuratamente, ospita un nuovo paraurti ma soprattutto la rinnovata carenatura DS, elemento distintivo della gamma. Certamente i nuovi gruppi ottici si integrano bene nell’insieme, sfoggiano un mix di tecnologie: led e xenon, per vedere meglio e più lontano.


La DS4 Crossback, a prescindere dalla sua forma e grinta, misura 154 centimetri d’altezza, la lunghezza è stata confermata nei 4 metri e 28 e il bagagliaio da oltre 370 litri di capacità.

DS4-

Molto curato anche il diverso disegno dei cerchi in lega, con finitura parzialmente diamantata, mentre per la carrozzeria si avranno molteplici combinazioni di colori.

Anche per le motorizzazioni la casa francese ha innovata l’offerta, il modello principe è rappresentato dal conosciuto PureTech, un 3 cilindri a benzina da 1.2 litri sovralimentato, capace di una coppia di 230 Nm e 130 cavalli, a sei marce con cambio manuale. Si sale di livello con i propulsori THP: si comincia con il 165 S&S, da 165 cavalli e 240 Nm di coppia, abbinato ad un cambio automatico a sei rapporti, mentre sarà disponibile unicamente sulla hatchback il THP da 210 cavalli.

Altrettante le motorizzazioni diesel: BlueHDi 120 S&S da 120 cavalli e 300 Nm, disponibile con cambio a sei marce sia manuale che automatico, BlueHDi 150 S&S da 150 cavalli, e BlueHDi 180 S&S da 180 cavalli, il top di gamma.

Per ora ci si deve accontentare di ammirala al Salone di Francoforte, la nuova gamma DS4 e la DS4 Crossback sarà disponibile per l’Europa a partire dall’autunno


CONDIVIDI
Articolo precedenteAbolire la figura del segretario comunale e provinciale è rock o lento?
Articolo successivoDisoccupazione ai minimi da due anni. Poletti: “Flessibilità su pensioni non a costo zero”

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here