Riforma pensioni 2015: questa volta la frenata arriva da Bruxelles anche se il governo ufficialmente non rinuncia all’idea di cambiare la legge Fornero.

Nuovo capitolo sull’odissea della riforma delle pensioni, a pochi giorni dall’aut aut di Renzi sulla scuola che sembra mettere in pericolo anche i ritiri ormai scontati per i Quota 96.

I professori e i dipendenti del comparto scolastico, infatti, avrebbero dovuto essere i primi a lasciare il lavoro sull’onda della rivoluzione nell’assetto previdenziale, ma il rischio di bloccare la riforma della scuola e insieme le nuove assunzioni, fanno ripiombare nell’incertezza le attese di migliaia di lavoratori, ormai sfiniti dagli anni di servizio in più rispetto a quanto dovuto per legge. Quello che appare chiaro, così come per le proposte sul tavolo di revisione delle pensioni, è che le prossime settimane saranno decisive.


Prima della pausa estiva, infatti, il governo vuole definire assolutamente le priorità da cui riprendere il lavoro all’inizio di settembre, per una rincorsa che, una volta avviata, si concluderà solo con l’approvazione, a fine anno, della legge di stabilità 2016. Proprio il provvedimento in cui, più volte, i vari ministri Poletti e Padoan, oltre allo stesso Renzi, hanno ricordato di voler introdurre la contro riforma Fornero, ancora dai contorni sfumati ma dal’obiettivo ben definito: rendere più agevole il pensionamento anticipato, anche con tagli sull’assegno, per chi proprio “non ce la fa più”.

E’ per questo che dalle parti di Bruxelles mettono già le mani avanti, ricordando al governo che eventuali interventi sul comparto previdenziale, con modifiche ai requisiti di accesso all’assegno Inps, o addirittura prestiti pensionistici per i ritiri anticipati e via dicendo, potrebbero provocare degli scompensi all’equilibrio precario dei pubblici.

Nei giorni scorsi il Bollettino economico della Banca centrale europea guidata dal nostro Mario Draghi non ha mancato di segnalare al governo italiano “i rischi connessi all’inversione delle riforme pensionistiche adottati”. A nulla, a quanto pare, sono servite le rassicurazioni di modifiche solo marginali, che potrebbero consentire anche penalizzazioni negli assegni erogati in anticipo, così come prefigurato nella famosa “proposta Damiano” da tempo dispersa in Parlamento.

Secondo il presidente Inps Boeri, che per primo ha frenato sulle ipotesi di riforma dopo averle sostenute apertamente, il costo solo di questa operazione ammonterebbe a circa 10 miliardi di euro, cifra che potrebbe prosciugare buona parte delle risorse inserite nella prossima finanziaria.

Rimane, allora, forse un’unica via per ammettere nel novero dei pensionati coloro che, in base ai requisiti minimi vigenti, non vogliano rinunciare anche in presenza di penalizzazioni importanti: la via del contributivo secco anche per coloro che potrebbero usufruire dell’assegno “misto” retributivo. Una beffa, per i lavoratori più attempati, che da qualcuno potrebbe però essere accettata pur di chiudere con gli anni di lavoro.

Vai allo speciale riforma pensioni

 


19 COMMENTI

  1. Dieci miliardi dei soldi del contribuente per pagarsi la campagna elettorale delle elezioni europee, lì trovo’ velocemente e senza preoccuparsi delle conseguenze negative che tale scelta avrebbe comportato. Oggi per mandare in pensione chi proprio non ce la fa più perché ha già dato fin troppo, di soldi il vostro Renzi non sa trovarte neanche un pò. Allora se soldi non c’è ne sono , prendesse quelli stanziati per elargire 80 euro a pochi prescelti.
    Di sicuro, quei soldi, tornerebbero più utili se usati per mandare in pensione chi ha dato, consentendo un adeguato “turn over” e garantendo così, reddito a tanti giovani, diversamente costretti all’espatrio o all’indolenza. Ma Renzi e i suoi scagnozzi hanno privilegiato scelte miopi, capaci di dar loro un ritorno immediato in termini di consensi elettorali, che per altro gli si ritorceranno contro a breve, perché la coperta, purtroppo, è corta.

  2. Siamo in tanti: giovani disoccupati,esodati,licenziati dal lavoro,precari,lavoratori dipendenti e pensionati che vivono con quattro soldi cosa aspettiamo andare a Roma per ribellarci correttamente in una forte e civile protesta a ribaltare tutti questi politici facce di bronzo ed incapaci di fare qualcosa di buono? Pardon; ad arricchirsi loro fino alla sistemazione della settima generazione.Facciamo presto prima che sia troppo tardi.

  3. Istituzione tutta .senza farvi nessuna risata …..leggete i commenti (vedi sopra) Si parla sempre delle solite Idiozie ” La Fornero !!!???””” Draghi”!!!!???? Renzi !!!!!!???????? ecc,ecc,ecc, Tutte queste persone che si fanno chiamare ” Onorevoli ” ” Ministri” ” Deputati ” conoscono veramente le sofferenze del popolo della fame nel mondo delle sofferenze della povera gente !!!????? ? Riescono ah comprendere veramente il pianto dei genitori perché non hanno un tozzo di pane da dare hai loro figli, lacrime che coprono le guance di bambini , vecchi, anche giovani che muoiono di fame e che giornalmente ” dicono…….che cazz…ci sto ha fare in questo mondo di farabutti è ladri. Facendo subentrare in loro , la paranoia, la depressione! Avete mai fatto la conta di quante persone oneste si uccidono giornalmente perché voi Istituzione tutta con i vostri sporchi imbrogli avete costretto al suicidio tantissime brava gente ha togliersi la vita ? Perché avete tolto loro l’unica cosa di buono che è rimasta ” La Dignità “””!!!!””” Le preghiere aiutano veramente ha campare ? ” Quali commenti si potrebbero fare ha vostro favore !!!???? Ricordatevi che avete giurato fedeltà alla Costituzione Italiana …é avete ” Tradito ” !!! ! La cosa più curiosa che vi riproponete alla candidatura !!!???….L’ augurio che io, e chissà quanta altra povera gente possiamo fare e voi tutti quelli che avete partecipato alla distruzione dell’Italia, e di noi,…. Che Dio vi salvi !!!!!?????

  4. Monti con la Fornero hanno obbedito alle direttive del Governo di destra e sinistra ( quelli di sempre) per fare gli interessi dei potenti investitori mondiali,. Noi non viviamo in democrazia , ma da diverse dittature,Governo INPS , BCE, Germania ecc. Riforma pensioni? Portare tutte le pensioni al massimo di duemila euro mensili. questa è equità sociale e vera riforma, tutto il resto è furto legalizzato. I sindacati? PEGGIO!!!!

  5. La sovranità del Popolo Italiano è solo un bel ricordo. La Germania appena si è resa conto delle problematiche che l’aumento repentino dell’età pensionabile stava causando ha fatto un passo indietro sull’età pensionabile riportandola a 63 anni e nessuno ha battuto ciglio. Ma la Germania si sa ha politici con i cosiddetti c……..ni, che difendono i propri cittadini. Il fatto poi che proprio la BCE sia così ostinatamente ottusa nel non considerare le storture che le Legge Fornero sta provocando sia per i giovani (vecchi al lavoro fino a 70 anni) che per i vecchi (centinaia di migliaia di senza reddito anche per 5 o 6 anni), ma nel guardare solo all’aspetto economico a breve tempo, beh questo è proprio preoccupante e fa pensare che probabilmente se questi sono i guardiani dell’economia Europea, allora ben presto l’Europa si dissolverà. Un’altra cosa che non si capisce è perché i nostri politici fanno proposte troppo costose e non ad esempio con una riduzione costi effettiva a carico di chi esce anticipatamente (ad esempio 62 anni e 35 di contributi in questo contesto potevano essere anche 64 e 35 anni o 36 anni e forse i costi sarebbero stati meno attaccabili, oppure si potrebbe accettare 62 e 35 ma con una penalizzazione anche superiore all’8%). Eh già poi se qualcuno fa una proposta a costo zero, bisogna farla davvero e con quale scusa si chiederebbe alla BCE di fare la parte del Poliziotto Cattivo? E poi perché nessuno risponde al presidente dell’INPS o alla BCE che senza un minimo di flessibilità il governo si vedrebbe comunque costretto ad approvare nuove salvaguardie per gli esodati con un aggravio dei costi? E già ma le salvaguardie vanno tra le pieghe di bilancio anche se magari costano 5 o 6 miliardi di Euro!!!! L’Europa, un sogno degli anni novanta.

  6. Ho 62 anni di età e 41 anni di contributi, Vi sebra giusto che io debba andare in pensione con il contributivo? un taglio sulla pensione tra il 30-40%, quindi da 1.350 euro al mese dovrei passare tra gli 800 e i 900 euro. Questo sistema ci porterà alla guerra civile e il PD di Renzi ne sarà responsabile, ci mancava una politica fatta di presuntuosi, in questo mondo non ci vuole molto a far quadrare i conti, basta sopprimere i pensionati. Grazie Renzi, ci mancavi solo tu. Povera Italia

  7. Inutile ripetere epiteti, governo attuale facile a promesse ma simile ai precedenti, ci hanno fatto credere nel cambiamento ma non sono stati in grado di fare un contratto unico per tutta la pubblica amministrazione (es. dipendente camera uguale a dipendente scuola, ecc. ecc.), oppure di ridursi del 50% lo stipendio quale segnale di partecipazione. In tv si fanno belli a criticare la Fornero, ma quando entrano nell’apparato fanno i voltafaccia. L’allineamento al contributivo dovrà essere per tutti, baby pensionati, gold pensionati e via dicendo…… e mai da applicare a noi che dopo 40 anni di lavoro e 60 di età abbiamo già dato!!! Credo che seguiremo ancor di più il consiglio di Filippo, voteremo tutti i 5STELLE, cosa che ho già fatto, pur non facendone parte!

  8. Renzi sta dimostrando di essere come tutti gli altri politici che lo hanno preceduto.
    Io penso che ha già preso la prima batosta con la riforma della scuola, se non risolve il problema delle pensioni può andare a casa, questi sono due zoccoli duri.
    Se cade il governo, personalmente, anche se non ci credo voterò MOVIMENTO 5 STELLE, non solo coinvolgerò parenti ed amici a farlo, tanto peggio di così non può andare.

  9. 35 anni di anzianita e 59 di eta se devo andarmene con il solo contributivo mi spiace per l’azienda, ma dovendo aiutar una figlia che e solo assunta a part time , l’azienda mi dovra tenere con tutti i miei malanni e i miei giorni di malattia , nn potendo assumere un giovane che costerebbe la meta e renderebbe il doppio

  10. Ladri!! Datemi subito quello che mi dovete avete continuamente cambiato le regole in corso ma i miei versamenti sono reali!!! Cambiate i regali che vi siete fatti!!! Bastardi siete arrivati al limite………….

  11. Invece di ridurre a chi prende troppo e non ha nemmeno versato ,come al solito pagano sempre le categorie più svantaggiate. Carissimi governanti fatevi un esame di coscienza ! Pensa carissimo Renzi che avevo fiducia ! SPERO IN UNA SOLUZIONE DI BUONSENSO ….

  12. Ho56 anni e 41 anni di contribuiti , se devo andare a 62 anni in pensione voglio indietro tutti i versamenti in più , poi vogliamo controllare le pensioni in essere da 3000 € in su , se sono in regola con i versamenti

  13. che vergogna! Dopo tante promesse false e disattese per la quota 96 ancora non si decide a sanare un errore della legge Fornero ammesso da molte forze politiche, soprattutto dell’opposizione e dei dissenzienti del PD ritengono di porvi fine con uno specifico provvedimento.
    Mi auguro che Renzi, benché appartenga ad uno schieramento politico da me condiviso, per le menzogne e per gli atteggiamenti bambineschi, venga valutato per quello che realmente è e si è dimostrato agli italiani.

  14. Io non trovo giusto affatto che si sventola in giro che si vuole fare riforma con un sistema uguale per tutti . Anche per coloro che avevano 18 di versamenti a dicembre del 1998. Ora anche per chi aveva il misto sj vocifera il sistema contributivo. Ciò Co. Porta una perdita notevole mensile che si riduce del 40%. Dopo che un lavoratore ha dato 42 anni di lavoro , prima la Forno poi Draghi e altri ancora verso no con Renzi altre bastonate. Questa volta è troppo. Mo basta! Se dobbiamo fare una rivoluzione sbrighiamoci. Questi intascato loro soldi e bastonato noi . Svegliamoci.

  15. Siamo alle solite,la storia infinita della riforma pensioni,tutti annunciano, alcuni promettono,altri cazzeggiano,anche Mario Draghi ieri ci ha messo del suo, forse ha perso una buona occasione per tacere.Per le banche fallite i soldi ci sono sempre, soldi con cui una prestigiosa banca italiana compra aziende , aggiusta i conti, poi rivende a gruppi esteri che delocalizzano tecnologie e macchinari lasciando a casa i dipendenti me compreso.In lunghi periodi di miseria come quello attuale , la miseria deve venire equamente distribuita su tutti gli italiani, non si possono sempre ricattare gli indigenti disoccupati che attendono come la venuta di Cristo la riforma dei 62 anni, prospettando il ricatto del tutto contributivo o morte per fame.Perche’ i politici se vogliono fanno delle buone leggi es. lg 68/99che tratta del collocamento obbligatorio degli invalidi, ma poi nessuno si interessa di dare applicazione a tale legge,che senso ha fare una legge invalida? Ho posto questa domanda per iscritto agli ultimi 3 capi di governo, agli ultimi 3 ministri del lavoro,alle piu’alte cariche dello stato , risultato lettera morta , zero risposte ,nisba , nulla ,nada. Magari poi qualche solone si chiede perche’ la gente diserta le urne.

  16. Ho 38 anni di servizio 62 anni di eta’ una madre quasi novantenne da seguire il coniuge riconosciuto invalido 100 %,la figlia occupata saltuariamente con un figlio a cui anch’io devo badare.Da come vanno le cose dovrò lavorare ancora per molto…cosa dite mi basta versare una “lagrimuccia alla fornero” o qualcuna in piu’???

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here