Nei giorni in cui si ricomincia a discutere della riforma della scuola 2015, arriva una storica sentenza che certifica lo stato di molti edifici in cui i ragazzi svolgono le lezioni. Riconosciuto un risarcimento di due milioni alla famiglia del ragazzo ucciso dal controsoffitto di un liceo.

I fatti sono tristemente noti: nel mese di novembre del 2008, Vito Scafidi, giovane studente 17enne, è rimasto tragicamente schiacciato da un improvviso crollo strutturale nell’aula in cui si trovava, nel liceo Darwin di Rivoli in provincia di Torino.

Oggi, a distanza di sei anni e mezzo dall’accaduto e con diversi processi alle spalle, il Tribunale di Torino ha finalmente riconosciuto alla famiglia un risarcimento che va oltre i massimi tabellari previsti dal Codice. La quarta sezione civile della Corte piemontese ha sottolineato l’assoluta eccezionalità del caso, rimarcando “l’accostamento ormai inevitabile e costante tra il problema della sicurezza nelle scuole e il nome di Vito Scafidi, diventato, suo malgrado, l’emblema nella coscienza collettiva”.


Per la stessa famiglia del giovane ha fatto della battaglia in nome del figlio scomparso una lotta contro l’incuria e per la sicurezza degli edifici scolastici in tutta Italia. 

Il giudice dal canto suo non ha mancato di riconoscere come “la straordinarietà della tragedia e il contesto in cui è avvenuta non sono privi di rilievo nella loro incidenza sulla entità del danno patito dai congiunti” e ha così concesso l’aumento dei massimo tabellari del 50%, somma che dovrà versare l’ex Provincia di Torino, ora divenuta Città metropolitana.

Per questo, sottolineano i legali della famiglia il decesso del giovane studente non può essere comparato a nessun altro caso e “non può essere risarcito con le stesse somme che vengono liquidate per un investimento pedonale cagionato per distrazione, o a un decesso derivante da un errore medico durante un intervento d’urgenza, o a un incidente sugli sci”.

Il processo penale si è chiuso con sei condanne confermate in febbraio dalla Cassazione. Ora, però la madre di Vito ha intenzione di promuovere un’altra causa civile.


CONDIVIDI
Articolo precedenteNulla la cartella esattoriale TARES
Articolo successivoPapa Francesco, testo completo udienza generale 10 giugno 2015

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here