Chiunque, dopo aver letto l’articolo precedente [1], abbia provato ad accedere al sito www.fondidigaranzia.it, si sarà accorto che, ad oggi, non è ancora possibile effettuare il click day. Come mai? Cosa è successo?

Il punto cruciale per rispondere a tali domande sta nel Decreto attuativo del 18/03/2014 emesso dal MISE, infatti quest’ultimo, come si legge alla fine “sarà trasmesso ai competenti organi di controllo e pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana”.

Probabilmente quando il MISE ha dato come data orientativa dopo il 14 aprile scorso pensava che l’iter si sarebbe concluso con una certa tempistica, cosa che ad oggi non è ancora successo, per cui da aprile ci spostiamo a maggio.


 

Ma a che punto si trova il decreto?

Innanzitutto, chiariamo che, ai sensi dell’art. 17, commi 3 e 4, L. 400/1988 “ i Decreti sono adottati previo parere del  Consiglio  di  Stato, sottoposti al visto ed alla registrazione della Corte  dei  conti  e pubblicati nella Gazzetta Ufficiale” – in mancanza di tali adempimenti, il DM sarebbe illegittimo e privo di efficacia.

Dopo detti adempimenti, le disposizioni di cui al Decreto MISE del 18/03/2015, si applicheranno a decorrere dal giorno successivo alla data di emanazione di apposita circolare del Gestore del Fondo, da adottare entro quindici giorni dalla data di pubblicazione del presente decreto.

Quanto sopra detto, fa comprendere la farraginosità procedimentale che sta determinando l’ulteriore ritardo per il concretizzarsi del Click day.

Riuscire a rintracciare il tanto atteso Decreto, tra i meandri dell’iter anzi detto, non è per nulla cosa facile.

Probabilmente, dovrebbe essere presso il Consiglio di Stato. Il condizionale in questo caso è d’obbligo.

Sicuramente il Decreto deve affrontare le ultime due tappe (Consiglio di Stato e Corte dei Conti) che fanno precludere, o meglio sperare, che il click day si avvicina.

Certo che, se il MISE avesse fatto pubblicità sul work in progress di tali tappe, milioni di italiani avrebbero potuto trascorrere i primi ponti primaverili con molta più tranquillità e senza ansia da click.


[1] Microcredito: click day a giorni

l fondo di garanzia è di 40 mln di euro, di cui 10 mln provenienti dalle rinunce dei parlamentari 5 Stelle. Soggetti ammessi, chi può accedere, benefici

https://www.leggioggi.it/2015/04/21/microcredito-click-day-giorni/


CONDIVIDI
Articolo precedenteProstitute, da oggi partita Iva obbligatoria: lo dicono le Entrate
Articolo successivoNovità in materia di black list e deducibilità dei costi

2 COMMENTI

  1. Navighiamo in acque melmose dove ancora oggi nessun commercialista sa chi può e chi no accedere al fondo intanto si rinvia in continuazione secondo me metteranno mani le mafie bancarie e persone con grandi idee ma senza soldi non possono accedere più sarà come al solito una presa per il culo usufruiranno amici e compari

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here